Giappone, importatori di gas per timori Russia cercano nuove fonti

Giappone, importatori di gas per timori Russia cercano nuove fonti
di Askanews

Roma, 10 apr. (askanews) - Le compagnie di gas giapponesi stanno preparando piani per l'approvvigionamento di gas naturale liquefatto da Malesia, Australia e Stati Uniti perchè temono una possibile interruzione della fornitura di progetti di GNL che il Giappone ha sviluppato insieme alla Russia.I piani di emergenza - riporta il Financial Times - potrebbero mettere la terza economia più grande del mondo in concorrenza diretta con l'Europa per le forniture globali di gas, evidenziando l'attenzione del Giappone nel soddisfare il proprio fabbisogno energetico nonostante il suo desiderio di mostrare solidarietà con i vicini occidentali della Russia.Gli importatori di gas giapponesi hanno affermato che, sebbene alcuni carichi di GNL in eccesso siano stati spediti in Europa da febbraio, non vi era alcuna prospettiva di grandi deviazioni dai contratti a lungo termine di produttori come il Qatar a causa della sensibilità alla sicurezza energetica del Giappone.Le compagnie elettriche giapponesi sono preoccupate per la sicurezza degli approvvigionamenti dalla Russia, nonostante le promesse di Tokyo di non ritirarsi dal progetto Sakhalin-2 GNL da 10 milioni di tonnellate all'anno e da altri sviluppi congiunti con la Russia sull'isola di Sakhalin a nord del Giappone."In caso di difficoltà nell'approvvigionamento di gas da Sakhalin, stiamo valutando la possibilità di sfruttare i nostri fornitori malesi per aumentare il volume o chiedere loro di consegnare le forniture in anticipo", ha affermato al Ft Takayuki Yamane di Hiroshima Gas Co. L'utility acquista circa 200.000 tonnellate del suo GNL annuale da Sakhalin-2 con un contratto che durerà fino a marzo 2028.La ricerca di nuove fonti di GNL metterebbe il Giappone in competizione per le scarse forniture globali contro le nazioni europee che cercano disperatamente di ridurre la propria pesante dipendenza dal gas convogliato dalla Russia.Le compagnie giapponesi temono che le forniture russe possano essere minacciate dalla crescente pressione internazionale per tagliare i legami con Mosca per l'invasione dell'Ucraina, o da una potenziale rappresaglia del Cremlino per altre sanzioni già imposte da Tokyo.Il Giappone venerdì ha vietato le importazioni di carbone russo e ha promesso di seguire la politica concordata con gli alleati del G7 per ridurre la dipendenza dall'energia russa in generale.Le società di servizi di gas regionali del Giappone fanno molto affidamento sulla Russia per alimentare alcune delle più grandi città del paese, inclusa la metà delle forniture annuali utilizzate a Hiroshima, città natale del primo ministro Fumio Kishida, e circa il 10% a Tokyo. In tutto, il GNL russo rappresenta quasi un decimo delle importazioni di gas giapponesi.Nel Giappone occidentale, Osaka Gas ha dichiarato di voler anticipare l'approvvigionamento di gas da fornitori in Australia e negli Stati Uniti o di acquistare sul mercato spot in caso di interruzione delle spedizioni dalla Russia. La compagnia serve Osaka, la terza città più grande del Giappone, che dipende dalla Russia per circa il 4% del suo gas.Le preoccupazioni per il gas russo evidenziano la maggiore dipendenza del Giappone dalle importazioni di energia dopo che la nazione povera di risorse ha bloccato la maggior parte dei suoi reattori nucleari a seguito del crollo dell'impianto di Fukushima Daiichi nel 2011.Il progetto Sakhalin-2 è stato sviluppato dalla russa Gazprom e dalla major petrolifera Shell insieme alle società commerciali giapponesi Mitsui e Mitsubishi, che detengono rispettivamente il 12,5 e il 10% delle quote del progetto. Shell il mese scorso ha abbandonato l'impresa, facendo pressione sulle parti interessate giapponesi.Koichiro Matsumoto, vice segretario di gabinetto per gli affari pubblici presso l'ufficio di Kishida, ha affermato che il Giappone non abbandonerà Sakhalin-2 e altri due progetti energetici in Russia, anche se concorda con altri paesi del G7 sulla necessità di "ridurre la nostra dipendenza dall'energia russa".