Tiscali.it
SEGUICI

Marketing sensoriale: il potere dei gadget tangibili

di Contenuto sponsorizzato   
Marketing sensoriale: il potere dei gadget tangibili

Nel mondo del marketing moderno spesso si da maggiore rilevanza alle strategie digitali, dimenticando di come invece si debbano integrare al meglio sia le attività svolte online a quelle fisiche che possono portare a un maggior senso di fidelizzazione della clientela. 

Ed è proprio in questo ambito che diventa importante comprendere anche il potere dei gadget tangibili, che possono ricordare più facilmente il brand e portare anche ad un maggior coinvolgimento dei clienti che lo ricevono. 

Gli oggetti fisici, soprattutto quelli personalizzati, hanno un impatto unico sulla percezione del marchio, creando legami emotivi profondi e duraturi con i consumatori. 

Questo fenomeno, noto come marketing sensoriale, sfrutta i sensi per costruire connessioni significative e influenzare positivamente l’immagine del brand. 

Marketing sensoriale: l’esperienza al tatto che porta a ricordare il brand

Uno degli aspetti più potenti del marketing sensoriale è il senso del tatto. Gli esseri umani sono creature tattiche per natura; amiamo toccare, tenere in mano e interagire fisicamente con gli oggetti.  

Quando un marchio offre gadget tangibili, come penne, quaderni, tazze o abbigliamento personalizzato, non sta solo distribuendo oggetti utili. Sta creando un’esperienza tattile che rimane impressa nella memoria del consumatore.

Connessione emotiva

Gli oggetti fisici hanno il potere di evocare nelle persone delle emozioni. Per questo motivo ricevere un gadget personalizzato riesce a suscitare sentimenti di gratitudine e apprezzamento, stabilendo un legame emotivo con il marchio. 

Questi oggetti diventano simboli tangibili di una relazione, ricordando continuamente al consumatore il brand quando questi poi vengono utilizzati. 

Attraverso la creazione di una connessione emotiva è difficile da replicare con strategie digitali, che spesso risultano più impersonali e transitorie. 

Aumento della percezione del valore

Offrire gadget tangibili contribuisce anche a migliorare la percezione del valore del marchio. Un oggetto fisico ben realizzato e utile dimostra attenzione ai dettagli e cura per il cliente, suggerendo che il brand investe nelle relazioni a lungo termine piuttosto che in interazioni fugaci. Questo può generare una maggiore fedeltà al marchio e in una propensione più alta a raccomandare il brand ad altri. 

Esperienza multisensoriale

Il marketing sensoriale non si limita solo al tatto, in quanto i gadget tangibili possono coinvolgere più sensi contemporaneamente. Ad esempio, una tazza di caffè personalizzata non solo viene toccata, ma può anche essere vista quotidianamente, rafforzando la presenza visiva del marchio. 

Se poi viene utilizzata per bere un buon caffè, il senso del gusto e dell’olfatto entrano in gioco, creando un’esperienza multisensoriale completa che rafforza ulteriormente l’associazione positiva con il brand. 

Longevità del messaggio

Un altro vantaggio dei gadget tangibili è la loro longevità dell’attività di marketing sensoriale svolta. Mentre le campagne digitali possono avere una durata limitata, gli oggetti fisici vengono usati dal consumatore per lunghi anni. Ogni volta che il gadget viene utilizzato, il marchio viene ricordato, mantenendo vivo il messaggio a lungo termine. Questa persistenza è un fattore chiave nel costruire e mantenere la consapevolezza del marchio. 

Efficacia complementare alle strategie digitali

Sebbene il marketing digitale offra innumerevoli vantaggi, i gadget tangibili rappresentano una strategia complementare potente. In un’epoca in cui i consumatori sono spesso sovraccaricati da messaggi digitali, un oggetto fisico può distinguersi per la sua unicità e tangibilità. 

Integrare i gadget personalizzati nelle campagne di marketing digitale può aumentare significativamente l’efficacia complessiva, creando un’esperienza più completa e coinvolgente per il consumatore. 

Ad esempio, è possibile sfruttare i gadget fisici anche per gli e-commerce e non solo per le attività fisiche. Infatti, si possono inviare come regalo all’utente che effettua uno o più ordini al fine di premiarlo per la sua fedeltà e dargli qualcosa di tangibile che gli ricordi il marchio. 

Dunque, investire anche in strategie di marketing sensoriale attraverso gadget tangibili offre un mezzo straordinariamente efficace per creare legami emotivi duraturi con i consumatori. 

Questi oggetti non solo migliorano la percezione del valore del marchio, ma forniscono anche esperienze multisensoriali che rafforzano l’associazione positiva con il brand. 

Se cerchi degli esperti di regali che possano aiutarti ad implementare la tua strategia di marketing sensoriale, puoi contare su aziende come Giftcampaign o Fotoregali.com.

 

 

di Contenuto sponsorizzato   
I più recenti
Giappone: inflazione sale al 2,6% in giugno
Giappone: inflazione sale al 2,6% in giugno
Borsa: a Tokyo apertura in ribasso (-0,37%)
Borsa: a Tokyo apertura in ribasso (-0,37%)
Borsa, +6% per Webuild, per analisti ben posizionata per superare stime
Borsa, +6% per Webuild, per analisti ben posizionata per superare stime
##Bce, ipotesi taglio tassi settembre resta subordinata ai dati
##Bce, ipotesi taglio tassi settembre resta subordinata ai dati
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...