Fmi, Georgieva: economia mondiale sta frenando, ecco 5 priorità

Fmi, Georgieva: economia mondiale sta frenando, ecco 5 priorità
di Askanews

Washington, 17 ott. (askanews) - L'economia mondiale sta frenando con un "rallentamento sincronizzato" ma, prima che sia troppo tardi, la comunità internazionale può mettere in atto "cinque priorità" per rimettere la crescita in carreggiata: sul commercio, la politica monetaria, le politiche di bilancio, le riforme strutturali e la cooperazione. E' il messaggio che il nuovo direttore del Fondo Monetario Internazionale, la bulgara Kristalina Giorgieva, ha voluto inviare nella sua conferenza stampa d'esordio agli incontri annuali di Fmi e Banca Mondiale.Per descrivere la rischiosità della situazione attuale Georgieva ha attinto a una citazione di Puskin: "Il respiro dell'autunno inizia a ghiacciare la strada"."Ed è appropriato cominciare con questa frase - ha sottolineato - dato lo scenario globale. Quest'anno stiamo prevedendo un rallentamento della crescita globale: 3% nel 2019, 3,4% nel 2020. In entrambi i casi si tratta di una revisione al ribasso rispetto alle stiome di aprile. In termini di PIl quasi il 90% dei Paesi del mondo stanno registrando una crescita rallentata" con un vero e proprio "rallentamento sincronizzato".Un peggioramento, ha sottolineato la numero uno dell'istituzione di Washington, che è stato provocato da diversi fattori le tensioni commerciali internazionali insieme all'incertezza legata a nuove tensioni politiche e alla Brexit, che "stanno frenando la crescita e stanno provocando rischi su questa strada".Cosa fare? "Vediamo - sottolinea Gergieva - cinque priorità. La prima riguarda il tornare indietro sui danni provocati al commercio e trovare una soluzione duratura che ci aiuti a costruire un sistema commerciale più forte. Siono stata incoraggiata dagli annunci della scorsa settimana di Usa e Cina e i nostri incontri di questa settimana sono un'opportunità per tutte le parti in causa di avanzare spostandosi da una tregua commerciale a una pace commerciale"."La seconda priorità è quella di usare la politica monetaria saggiamente. Una politica accomodante - ha osservato - resta appropriata in molti Paesi e dev'essere sostenuta dall'indipendenza delle banche centrali e dalla comunicazione. Non possiamo ignorare, allo stesso tempo i rischi alla stabilità finanziaria che vengono dai rendimenti delle obbligazioni".Il direttore del Fmi passa poi al terzo punto che riguarda "la politica fiscale, che deve svolgere un ruolo più centrale. Ora è goiunto il momento, per i Paesi che hanno spazio nei loro bilanci, di dispiegare tutto ciò che può essere mobilitato in termini di potenza di fuoco sulla spesa pubblica. Ovviamente con livelli di debito elevati a livello globale questa soluzione non può funzionare comunque. Ma quello che può essere fatto dovunque - e veniamo alla quarta priorità citata da Georgieva - sono le riforme strutturali. I ritardi nella produttività richiedono interventi più grandi, più forti e inclusivi per una crescita più resisztente nel medio e lungo periodo. Dobbiamo tutti trovare modi per risollevare la produttività: dal taglio della burocrazia, all'aumento della partecipazione delle donne alla forza lavoro, c'è una serie di misure che i Paesi possono intraprendere per investire in un futuro più dinamico. E dobbiamo essere consapevoli allo stesso tempo delle perdite potenziali di lavoro derivanti dai processi di automazione, dalle controversie commerciali e dall'invecchiamento della popolazione. Tutti fattori - ha sottolineato Georgieva - che rendono le riforme ancora più urgenti e l'attenzione ai costi sociali delle riforme ancora più urgente".