Fca: nel secondo trimestre perdita di un miliardo, avanti con Psa

Fca: nel secondo trimestre perdita di un miliardo, avanti con Psa
di Askanews

Roma, 31 lug. (askanews) - Fiat Chrysler chiude il secondo trimestre con una perdita netta di 1,048 miliardi dovuta alla crisi del coronavirus. Lo comunica Fca, sottolineando che i ricavi netti sono stati pari a 11,707 miliardi, in calo del 56%, mentre le consegne globali sono state 424mila, in diminuzione del 63% per la sospensione della produzione e la caduta della domanda conseguenti alla pandemia. Positiva la reazione della Borsa, con il titolo che guadagna lo 0,55%."Il nostro secondo trimestre - afferma l'amministratore delegato Mike Manley - ha mostrato come le azioni decisive e il contributo straordinario delle nostre persone abbiano consentito a Fca di contenere l'impatto della crisi dovuta al Covid-19. Mentre l'azienda resta vigile sulla salute e sulla sicurezza dei propri dipendenti, i nostri stabilimenti sono ora operativi, la rete ha ripreso le vendite sia nelle sedi sia online e abbiamo la flessibilità e la forza finanziaria per portare avanti i nostri piani".La pandemia, aggiunge la società, "ha sottolineato ulteriormente la logica stringente della fusione tra Fca e Psa. Il lavoro di entrambi i team per portare a termine la fusione è proseguito a ritmo sostenuto e prevediamo di raggiungere l'obiettivo di diventare un'unica società entro il primo trimestre del 2021. Non si prevede che l'indagine avviata dalla commissione europea possa causare ritardi nelle tempistiche della fusione".