Dl agosto: blocco licenziamenti slitta almeno a metà novembre

Dl agosto: blocco licenziamenti slitta almeno a metà novembre
di Askanews

Roma, 6 ago. (askanews) - Lo stop ai licenziamenti slitta almeno a metà novembre. Un'azienda non potrà licenziare prima della scadenza delle 18 settimane di Cig o sgravi contributivi aggiuntivi, a decorrere dal 13 luglio. Sostanzialmente la possibilità di licenziare tornerebbe dal 15 novembre in avanti e quindi un mese in più rispetto alla bozza iniziale del decreto. Questo a prescindere dalla volontà dell'azienda di usare le settimane di cassa disponibili. Sarebbe questa l'intesa raggiunta sul dl agosto nel vertice di maggioranza a Palazzo Chigi. Il senso della norma, spiegano le fonti, è che se l'azienda non ha la necessità di ricorrere alla Cig significa che non deve neanche licenziare i lavoratori.Secondo quanto si apprende, verrebbero previste ulteriori 18 settimane di Cig dal 13 luglio, le prime 9 settimane aggiuntive di Cig Covid-19 gratis per tutti, poi altre 9 settimane che sono gratuite per chi ha avuto un calo di fatturato. Per gli altri le seconde 9 settimane di cig diventano onerose e vengono fissati due scaglioni di contribuzione per le imprese. In ogni caso chi non ricorre alla cig ottiene una decontribuzione pari al doppio della cig fermo restando il divieto di licenziare.