Banca Marche, tribunale dichiara stato insolvenza: ora si potrà procedere per bancarotta fraudolenta

L'istituto di credito è affondato sotto un 'default' da un miliardo di euro, con 44 mila azionisti e obbligazionisti che hanno visto azzerati i loro investimenti

Banca Marche, tribunale dichiara stato insolvenza: ora si potrà procedere per bancarotta fraudolenta
TiscaliNews

Il tribunale fallimentare di Ancona ha dichiarato lo stato d'insolvenza della vecchia Banca Marche, affondata sotto un 'default' da un miliardo di euro, con 44 mila azionisti e obbligazionisti che hanno visto azzerati i loro investimenti dal decreto salva banche. Ora potrebbe aprirsi la strada in sede penale alla contestazione della bancarotta fraudolenta a carico del vecchio management. All'istanza di insolvenza si erano opposte le Fondazioni Cassa di Risparmio di Jesi e Cassa di Risparmio di Pesaro.


Lo stato d'insolvenza era stato chiesto dalla Procura di Ancona e dal Commissario liquidatore di Banca Marche spa Bruno Inzitari. Con la sentenza 22/2016, il collegio del tribunale fallimentare di Ancona, presieduto da Francesca Miconi, ha accolto queste istanze, dichiarando invece il difetto di legittimazione a intervenire del Codacons. I giudici hanno inoltre condannato gli intervenuti soccombenti - Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro e Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, che si erano opposte alla dichiarazione dello stato d'insolvenza - al pagamento delle spese del giudizio che ammontano a 3.125 euro.

''Una decisione importantissima, che apre ora la strada al procedimento per bancarotta fraudolenta nei confronti degli ultimi amministratori di Banca Marche''. Così il Codacons sulla decisione del Tribunale fallimentare di Ancona che ha dichiarato lo stato di insolvenza della vecchia BM. "Non appena la procura di Ancona dovesse aprire un fascicolo per il reato di bancarotta fraudolenta, il Codacons si costituirà parte offesa nel procedimento, a tutela degli investitori dell'istituto di credito'' spiega il presidente Carlo Rienzi. ''Offriremo, inoltre, assistenza legale a tutti i risparmiatori di Banca Marche che hanno visto azzerato il valore delle proprie obbligazioni a seguito del decreto salva-banche, per costituirsi parte offesa nell'indagine e chiedere in tale contesto il risarcimento dei danni patrimoniali subiti".