340 licenziamenti per colpa dei robot: diventa amaro il gusto dei Baci Perugina

C'è preoccupazione per il futuro nell'azienda della Nestlè in Umbria, dopo l'annuncio del piano industriale con un investimento di 60 milioni che prevede però molti esuberi senza cassa integrazione

Una fase della produzione dei Baci Perugina
Una fase della produzione dei Baci Perugina
di I:D:

Per alcuni dipendenti i bigliettini dei Baci Perugina non hanno più lo stesso gusto, almeno da quando la società ha annunciato 340 licenziamenti, e le parole più pronunciate sono frutto della delusione e della preoccupazione per il futuro. Tutto inizia quando la Nestlè, multinazionale proprietaria del marchio della famosa azienda dolciaria umbra, fa sapere che non si potrà più ricorrere alla cassa integrazione. Prima ancora, nel 2016, dalla Svizzera annunciano un piano industriale con investimento di 60 milioni di euro da destinare alle nuove tecnologie e alla robotizzazione, un cambio di scenario tecnico-organizzativo che comporta, come avviene in questi casi, un caro prezzo: quello della ristrutturazione.

Ricollocazione solo per il 70 per cento

In sostanza si prevede la ricollocazione solo per il 70 per cento degli 819 addetti alla produzione. Un piano che non aveva indotto il sindacato – scrive oggi La Verità – a fare le barricate. Quel piano con i suoi 60 milioni di investimenti suonava bene alle orecchie dei rappresentanti dei lavoratori che contavano sull’utilizzo della cassa integrazione per gestire il problema, quella che a Perugia viene utilizzata ormai da 13 anni.

Sono 340 gli esuberi

Poi è arrivato l’annuncio perentorio dell’amministratore delegato di Nestlè Italia, Leo Wencel, a riportare all’amara realtà. “A giugno 2018 la Cassa integrazione guadagni straordinaria non sarà più rinnovabile”. Per cui “emerge l’esigenza di procedere a un riequilibrio occupazionale che, a oggi, stimiamo possa coinvolgere circa 340 addetti alle attività di produzione e logistica ai quali nei prossimi anni non sarà possibile assicurare la continuità occupazionale”. Una vera doccia fredda per tutti. Per i politici rimasti in silenzio o barricati dietro annunci generici. Per i sindacati che - ad avviso di Carla Spagnoli, pronipote della donna che inventò i baci – “hanno candidamente ammesso che non avevano capito l’accordo che avevano firmato”, si legge sul quotidiano.

Sorpresa generale? Eppure  Nestlè, da buona multinazionale,  da tempo guarda oltre l’ambito perugino. Nel 1999 la direzione fu spostata a Milano e anche allora - si legge - non ci furono manifestazioni di protesta. Ora si mette mano ai reparti produttivi e, a suo tempo, non c’è stata notevole levata di scudi sui sacrifici richiesti dall'azienda ai lavoratori. Vedremo cosa succederà ora. Del resto è singolare, ad avviso della Verità, che “nel mondo il prodotto è vincente e a Perugia è in crisi”.

Anche la Chiesa si schiera

Ora i politici, soprattutto quelli del Pd, e il sindacato sembrano volersi muovere per chiedere il prolungamento della Cigs oltre il 2018. Mentre la Chiesa si schiera a difesa del lavoro. “E’ un aspetto fondamentale della persona umana, quindi senza nessuna distinzione dobbiamo trovare sinergie e operare insieme a favore dei lavoratori”, sembra abbia detto il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo del capoluogo umbro.

Fedez scrive le frasi per i bigliettini

Riusciranno le forze combinate di politici, sindacalisti, ecclesiastici e discendenti degli ex padroni a scongiurare le conseguenze dell’introduzione dei robot e della globalizzazione? Intanto l’azienda ha chiesto a Fedez di scrivere le frasi d’amore per sintonizzarsi meglio con la generazione dei Millennials. Quei giovani nati dopo il 2000 che, di questo passo, troveranno sempre più bigliettini intonati al loro gergo e sempre meno posti di lavoro.