Alitalia, Conte frena sul progetto per mantenerla italiana

Alitalia, Conte frena sul progetto per mantenerla italiana
di Askanews

Roma, 8 ago. (askanews) - Brusca frenata del premier Giuseppe Conte al tentativo del ministro dei Trasporti e Infrastrutture, Danilo Toninelli, di mantenere Alitalia in mani italiane. "Toninelli ha anticipato il suo proponimento di poter conservare una sorta di compagnia di bandiera - ha detto Conte in un incontro con la stampa nel giorno del suo 54esimo compleanno -. Bisogna misurarsi con le possibilità concrete, ci stiamo lavorando, Toninelli sta cercando di costruire le premesse per arrivare a questo risultato, poi dovremo verificare se il percorso è realizzabile e confrontarci con la realtà del mercato, con gli investitori, i partner che possono essere interessati".Toninelli, come anticipato dallo stesso ministro, sta lavorando a un progetto che consenta di mantenere almeno il 51% della compagnia ex di bandiera in mani italiane. Al momento non è ben chiaro su chi possano essere i soggetti interessati all'operazione, ma fonti giornalistiche parlano di un possibile coinvolgimento delle Ferrovie dello Stato e di Cdp, entrambe con i vertici da poco sostituiti dal Governo, con una presenza inoltre di Poste italiane. Si ipotizza anche che il progetto possa riferirsi al 100% della compagnia aerea, almeno per un primo tempo, per poi cercare un partner industriale in quota di minoranza. Per il ministro dei Trasporti, novità importanti ci saranno tra settembre e ottobre, ma le parole di Conte sembrano in qualche modo smorzare gli entusiasmi pur tenendo conto della prudenza "d'ufficio" che un premier deve mantenere.Più sibillino il vice premier, nonché ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, secondo il quale "la nazionalizzazione old style non è fattibile per tutta una serie di norme europee, che io tra l'altro vorrei ridiscutere. Ma in questo momento affrontiamo la questione Alitalia con le scadenze che ci sono. È evidente che per questo governo deve restare un vettore dello Stato italiano, legato a realtà produttive italiane". In effetti un eventuale coinvolgimento delle Fs, oltre che problematico sotto il profilo della normativa europea per quanto riguarda gli aiuti di stato, potrebbe cerare difficoltà anche sotto il profilo dell'Antitrust.Intanto i conti di Alitalia continuano a migliorare. Crescono infatti a doppia cifra i ricavi digitali che nei primi sei mesi del 2018 hanno visto un incremento del 19,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Bene anche l'operatività: Alitalia è risultata prima in Europa per regolarità dei voli nei primi sette mesi dell'anno, con il 99,6% di regolarità registrato nel solo mese di luglio.