Tiscali.it
SEGUICI

A Livorno sequestrate 134 Fiat Topolino, con tricolore ma non made in Italy

di Askanews   
A Livorno sequestrate 134 Fiat Topolino, con tricolore ma non made in Italy

Roma, 18 mag. (askanews) - Sequestro al porto di Livorno di 119 Fiat Topolino e di 15 Fiat Topolino Dolcevita della Guardia di finanza e dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli. I 134 mezzi, elettrici sulle fiancate riportavano dei piccoli adesivi con la bandiera italiana. Per tale motivo i militari delle Fiamme gialle e i funzionari dell'ente statale hanno contestato a Stellantis - la multinazionale che, oltre ad altri 13 marchi, include anche quello torinese della Fiat - la fallace indicazione sull'origine del prodotto, che non era "made in Italy", ma fabbricato in Marocco e giunto a Livorno su una nave merci.

Pronta la replica di Stellantis Italia che con un suo portavoce ricostruisce la vicenda e sottolinea che "L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Guardia di Finanza hanno sottoposto a sequestro presso il porto di Livorno alcune Topolino in fase di importazione dal Marocco, Paese di fabbricazione dei veicoli, ritenendo che un piccolo adesivo riportante i colori della bandiera italiana apposto sulle portiere potesse costituire una fallace indicazione della origine dei beni. L'adesivo in questione - sottolinea il portavoce di Stellantis Italia - aveva la sola finalità di indicare l'origine imprenditoriale del prodotto. Infatti, il design della nuova Topolino, che è una auto storica per Fiat sin dal 1936, è stato ideato e sviluppato a Torino da un team di professionisti del Centro Stile FIAT di Stellantis Europe S.p.A., società italiana".Il portavoce aggiunge che "peraltro, la Società sin dal momento della presentazione del nuovo modello è sempre stata chiara nel dichiarare che questo viene fabbricato in Marocco. Riteniamo dunque di avere operato nel pieno rispetto delle norme, comunicando in modo trasparente il Paese di produzione delle Topolino, senza alcun intento decettivo nei confronti dei consumatori. In ogni caso, per risolvere ogni questione è stato deciso di intervenire sui veicoli in sequestro con la rimozione dei piccoli adesivi previa autorizzazione delle Autorità".

di Askanews   
I più recenti
La stretta sulle cripto-attività va in Cdm tra multe e vigilanza
La stretta sulle cripto-attività va in Cdm tra multe e vigilanza
Cina-Ue, avvio consultazioni su indagine e-car Bruxelles
Cina-Ue, avvio consultazioni su indagine e-car Bruxelles
Sunak: frasi di Farage sull'Ucraina false e fanno il gioco di Putin
Sunak: frasi di Farage sull'Ucraina false e fanno il gioco di Putin
Leonardo-Invitalia: da Seri l'unica proposta conforme su Iia
Leonardo-Invitalia: da Seri l'unica proposta conforme su Iia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...