Tiscali.it
SEGUICI

[L’analisi] L’informazione è malata ma il modo per salvarla e garantire le qualità delle notizie c'è

L’avvento del digitale ha rivoluzionato il settore. Il modello delle news online gratuite pagate dagli incassi pubblicitari è però ormai al tramonto perché non sostenibile finanziariamente. L’unica possibilità per salvare i giornali e soprattutto la qualità dell’informazione è tornare al vecchio principio che le notizie si pagano

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
[L’analisi] L’informazione è malata ma il modo per salvarla e garantire le qualità delle notizie c'è

In giro per il mondo c’è un grande malato di cui nessuno parla: l’informazione. Mai come oggi i cittadini hanno avuto la possibilità di informarsi praticamente a costo zero, ma tutto questo si basa su un modello di business che non sta più in piedi. L’era delle notizie gratuite potrebbe avere i giorni contati.

Editori italiani in rosso

I dati parlano chiaro. A livello globale il giro di affari dell’informazione nel 2017 si è attestato a 150 miliardi di dollari, in calo del 2,2% rispetto al 2016 e del 8,6% rispetto al 2013. L’Italia non fa eccezione. Nel periodo 2013-2017 i maggiori gruppi editoriali italiani hanno cumulato perdite per 1,2 miliardi di euro e solo Cairo Editore ha chiuso il quinquennio in positivo.

Il crollo delle copie cartacee

Nonostante la diffusione del web nel 2017 ben l’89,5% del fatturato degli editori proviene ancora dalla carta stampata. Ma (e qui si arriva al nocciolo del problema) l’acquisto di quotidiani cartacei è in picchiata. Il dato italiano rende bene l’idea. A settembre 2007 le vendite di copie cartacee erano pari a 6,1 milioni di copie giornaliere. Lo scorso settembre (quini 11 anni dopo) il numero delle copie si è attestato a 2,6 milioni. Per una calo complessivo superiore al 57%. Conclusione: la principale fonte di ricavi del mondo dell’informazione (l’acquisto dei quotidiani cartacei) si sta inaridendo e i proventi derivanti dal digitale (basati sulla vendita di pubblicità) compensano solo in piccola parte il calo del fatturato.

La crescita del digitale non basta

Eppure il web ormai è una fonte di informazione importante per moltissimi italiani (secondo alcuni stime ben 12 milioni di cittadini consultano almeno un sito di informazione). E il giro di affari della pubblicità online è cresciuto negli ultimi 10 anni passando da 950 a 2,9 miliardi di euro. Il dubbio, dunque, nasce spontaneo: perché il digitale non rappresenta ancora una fetta importante dei ricavi degli editori?

La concorrenza dei cannibali digitali 

Il motivo è semplice: la concorrenza spietata dei cannibali digitali. Un solo dato rende bene l’idea: Google e Facebook da sole assorbono il 75% degli investimenti pubblicitari online. Il tradizionale banner (fonte principale dei ricavi pubblicitari dei giornali online) ha ceduto il passo di fronte ai sistemi pubblicitari di Big G e di FB che si basano sul pay per click (l’azienda paga solo se il lettore clicca sulla inserzione) e su campagne targetizzate ovvero mirate a pubblici di riferimento specifici. In estrema sintesi: per le aziende fare pubblicità sulle grandi piattaforme americane è più economico e più efficace. A tutto questo si aggiunge il paradosso che una buona fetta del traffico di Google e Facebook si basa proprio sulla condivisione in rete di notizie gratuite da parte degli editori.

Il cambio di modello di business dei giornali 

Le difficoltà economiche dei giornali inevitabilmente si sono tradotte in un calo dell’occupazione e della qualità delle notizie. Perché una cosa poco nota ai non addetti ai lavori è che fare informazione di qualità costa. C’è una via di uscita per gli editori? L’unica che al momento sembra possibile è mettere fine all’era delle notizie gratuite per tornare all’antico quando l’informazione veniva pagata come tutti gli altri servizi.

Anche le testate italiane si adeguano 

Tra i pionieri di questo nuovo modello a pagamento ci sono i grandi quotidiani anglosassoni (i profitti degli abbonamenti online del New York Times hanno superato quelli della pubblicità digitale). Ma anche i grandi giornali italiani (Corriere della Sera, la Repubblica, Sole 24 Ore) hanno introdotto i cosiddetti paywall che consentono di visualizzare gratuitamente solo un certo numero di articoli al mese o di offrire un mix di contenuti gratuiti e a pagamento. Per il momento siamo ancora agli inizi ma il processo ormai è irreversibile e destinato a coinvolgere la maggior parte delle testate online.

Michael Pontrellidi Michael Pontrelli   
I più recenti
L'intelligenza artificiale e l'impatto sulla sostenibilità
L'intelligenza artificiale e l'impatto sulla sostenibilità
Solo 1 contribuente su 100 destina il 5 per mille al comune
Solo 1 contribuente su 100 destina il 5 per mille al comune
Federbeton, imprese del cemento italiane danneggiate da Ets
Federbeton, imprese del cemento italiane danneggiate da Ets
Martedì Calderone vede le parti sociali su patente a punti
Martedì Calderone vede le parti sociali su patente a punti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...