Tiscali.it
SEGUICI

Violenza donne, presentato al Senato progetto "Pronto Scuola amica"

di Askanews   
Violenza donne, presentato al Senato progetto 'Pronto Scuola amica'

Roma, 28 nov. (askanews) - E' stato presentato oggi presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato il progetto "Pronto Scuola amica-Telefono Rosa", promosso dalla scuola IPSEOA Tor Carbone - A. Narducci di Roma e sostenuto dal Senato della Repubblica per "dare alle ragazze che subiscono e vivono situazioni di violenza un luogo conosciuto in cui poter parlare", "per accogliere questo primo grido di dolore muto che non riusciamo ad ascoltare", ha detto la dirigente scolastica Cristina Tonelli all'evento organizzato nell'ambito di un'iniziativa più ampia, che pone l'attenzione su un tema tanto attuale quanto delicato, quello della violenza sulle donne. Promotori del progetto anche il Senatore Marco Scurria e il Consigliere Municipio VII Cristina De Simone.L'obiettivo dell'iniziativa è quello di sensibilizzare le studentesse che vivono momenti di difficoltà, a causa di violenze psicologiche o abusi fisici subiti o minacciati in svariate situazioni, a chiedere aiuto chiamando un numero telefonico scolastico dedicato.Nell'approvazione della legge che rafforza le norme per il contrasto alla violenza contro le donne "l'elemento più importante è il voto all'unanimità", ha sottolineato il senatore Scurria: "La maggioranza ha aperto ai suggerimenti dell'opposizione che è stata intelligente e non si è soffermata sui passaggi che non condivideva al 100% per portare a casa una legge davvero importante". Il senatore, però, ha aggiunto che "non sono le leggi che cambiano il mondo, sono gli uomini e le donne che fanno la differenza".

Per la consigliera De Simone, vice presidente della commissione Pari opportunità, "il problema della violenza contro le donne va affrontato sin dalla giovane età, sia per le ragazze sia per i ragazzi" e "non c'è niente di più opportuno che iniziare dalla scuola", perché spesso "le ragazze non si rendono conto di vivere una violenza, c'è la difficoltà ad aprirsi e quindi da questo nasce la necessità di avere una linea telefonica per riuscire anche a parlare in forma anonima e fornire strumenti per difendersi". Per De Simone "bisogna aiutare le ragazze a raccontare, perché solo facendo squadra e creando una rete potremo salvarne qualcuna, educare è la funzione cruciale della scuola che va oltre l'istruzione".La dirigente dell'IPSEOA Tor Carbone-A.Narducci ha aggiunto che "siamo a una svolta epocale, i ragazzi di oggi sono fragilissimi, mostrano crepe a volte irrecuperabili, i maschi si confrontano con una figura femminile che non conoscono, diversa dalla madre, non è accaduto in altre epoche storiche, e le ragazze sono imprigionate in questo mondo della comunicazione e dell'apparenza in cui non è permessa l'imperfezione". L'idea della linea "Pronto Scuola amica" è nata "prima dell'omicidio Cecchettin, dopo un caso emerso a scuola", ha spiegato Tonelli.L'idea del "telefono rosa scolastico" nasce dalla "necessità di dare una fattiva risposta alle reiterate richieste di aiuto che molte studentesse fanno ai docenti e al personale della scuola per non essere costrette a gestire, in totale solitudine, situazioni di pericolo in famiglia o nel contesto sociale che frequentano. Speriamo che la dimensione micro, della linea legata alla scuola, possa funzionare più del macro e dare un luogo conosciuto in cui si può parlare", per "accogliere questo primo grido muto di dolore" e "trovare una soluzione anche con un percorso psicologico" per "costruire donne solide che sappiano dire no o di chiedere aiuto", ha aggiunto la dirigente.All'evento presente anche Anna Lisa Brozzi, campionessa europea Pro di pugilato e ambassador Fpi: "Lo sport può aiutare in modo concreto dal punto di vista fisico-tecnico, psicologico-sociale e caratteriale. Lo sport educa al rispetto dei valori. Un bambino che cresce nello sport è un maschio che cresce nel valore del rispetto e della disciplina, un uomo che ha un'etica".E la violenza sulle donne è anche gender gap. Maria Luisa Cortesi, presidente di Assoittica, che ha svolto la prima indagine in Italia in collaborazione con la Fao sul ruolo delle donne nel settore della pesca, ha rivelato che nella filiera le donne rappresentano soltanto il 34%: "Le donne superano gli uomini come numeri solo nell'amministrazione e nel controllo qualità anche se le donne battono gli uomini in puntualità e precisione ma questo non si riflette in crescita a livello aziendale", infatti, "solo 10 donne sono manager nelle loro aziende e sono tutte parenti della proprietà". Nonostante la maggior preparazione, poi, le donne "non raggiungono i livelli apicali", ha aggiunto Cortesi.Daniele Natalizia, dell'Associazione Mede@, ha ribadito che "viviamo una crisi genitoriale terribile, si delega tutto ai nuovi educatori che sono i social, la generazione X sta facendo grandi danni. Abbiamo tanti strumenti ma bisogna utilizzarli e servono posti protetti, posti di lavoro, serve concretezza per aiutare le donne".

di Askanews   

I più recenti

Uccise il figlio in Umbria, in appello esclusa la premeditazione
Uccise il figlio in Umbria, in appello esclusa la premeditazione
Valanga a bordo pista a Madonna di Campiglio, nessun ferito
Valanga a bordo pista a Madonna di Campiglio, nessun ferito
Visita di Salvini a Verdini nel carcere di Sollicciano
Visita di Salvini a Verdini nel carcere di Sollicciano
Donna uccisa in Veneto, maltempo ferma le ricerche del compagno
Donna uccisa in Veneto, maltempo ferma le ricerche del compagno

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...