Pfizer e AstraZeneca sono efficaci anche contro variante Delta ma in percentuale diversa. Lo studio

L'azienda anglo-svedese precisa: "i dati del mondo reale dimostrano che il nostro vaccino anti-Covid fornisce un alto livello di protezione contro la variante delta che attualmente preoccupa per la sua rapidità di trasmissione"

Vaccino (Foto Ansa)
Vaccino (Foto Ansa)
TiscaliNews

L'allerta per la variante Delta è alta ma rassicurano le notizie relative all'efficacia dei vaccini. Uno studio dell'Università di Edimburgo e del Public Health Scotland, recentemente pubblicato sulla rivista Lancet, dimostra infatti che due dosi del vaccino Pfizer o di quello AstraZeneca riducono il rischio di infezione e ricovero a causa di questa variante,

L’efficacia dei vaccini

I due vaccini offrono protezione in percentuali diverse: due settimane dopo la seconda dose, il vaccino Pfizer offriva una protezione del 79% contro il ceppo Delta (e del 92% contro la variante Alfa). Per le due dosi del vaccino AstraZeneca, invece, c'era una protezione del 60% contro la variante Delta (e del 73% per la variante Alfa). Inoltre, ulteriori nuovi dati di 'real world' (ovvero del mondo reale sulla popolazione dei vaccinati) dell'autorità sanitaria britannica Public Health England, pubblicati in pre-print, hanno dimostrato che 2 dosi di vaccino AstraZeneca sono efficaci fino al 92% contro il ricovero in ospedale a causa della variante Delta e non hanno mostrato decessi tra i vaccinati.

I contagi

I primi studi dalla Gran Bretagna dimostrano che i vaccini sono un poco meno efficaci per quanto riguarda la possibilità di contagiare altre persone.  L'invito generale, mentre si punta ad aumentare il tracciamento per l'identificazione precoce dei casi, resta pertanto quello alla prudenza. A preoccupare, infatti, è l'alta trasmissibilità della mutazione Delta, sei volte più della media, ed il rischio quasi doppio di ospedalizzazione rispetto alla variante Alfa (ex inglese).Tanto che è già presente in 74 Paesi ed è divenuta la variante dominante in Scozia, oltre ad essere responsabile del nuovo aumento di casi in Gran Bretagna, mentre in Francia è segnalata dal 2-4% dei tamponi esaminati, l'equivalente di 50-150 nuovi casi al giorno.

I dati del mondo reale

Secondo Mene Pangalos, executive vice president, BioPharmaceuticals R&D di AstraZeneca, "i dati del mondo reale dimostrano che il nostro vaccino anti-Covid fornisce un alto livello di protezione contro la variante delta che attualmente preoccupa per la sua rapidità di trasmissione". L'analisi, effettuata tra il 12 aprile e il 4 giugno, ha esaminato i ricoveri in ospedale in Inghilterra, e ha incluso 14.019 casi della variante delta, 166 dei quali sono stati ricoverati in ospedale. "I dati mostrano che il vaccino continuerà ad avere un impatto significativo in tutto il mondo, visto che continua a rappresentare la grande maggioranza delle forniture all'India e all'iniziativa Covax", ha concluso Pangalos.