Tiscali.it
SEGUICI

Uccise la sorella, subito in aula agenti che arrestarono Scagni

di Ansa   
Uccise la sorella, subito in aula agenti che arrestarono Scagni

(ANSA) - GENOVA, 09 GIU - È iniziato ed è entrato subito nel vivo il processo in Corte d'Assise a Genova a carico di Alberto Scagni, il disoccupato che il primo maggio 2022 ha ucciso con 19 coltellate la sorella Alice sotto casa a Quinto. Oggi sono stati sentiti i primi agenti intervenuti subito dopo l'omicidio, i poliziotti che hanno visto il corpo della vittima, quelli che hanno fermato l'assassino subito dopo e chi entrò nella sua casa di via Balbi Piovera. "Scagni mentre era in questura - ha detto l'ispettore Massimo Fallone - sembrava in stato confusionale, gli facevano domande e non rispondeva. Così mi sono confrontato con il mio superiore e abbiamo deciso di procedere con la perquisizione".

In casa gli agenti hanno trovato, tra le altre cose, numerose bottiglie vuote, dispositivi elettronici, un coltello sul divano e il fodero dell'arma usata contro la sorella. "Sui muri c'erano anche due scritte. Una diceva 'Ho superato qualsiasi cosa'". Gli altri testimoni hanno raccontato di quando sono arrivati sul posto e hanno trovato il corpo di Alice a terra con un vicino che le faceva il massaggio cardiaco e di quando hanno fermato il fratello poco distante con i vestiti sporchi di sangue. In aula erano presenti Antonella Zarri e Graziabno Scagni, i genitori della vittima e dell'assassino, e il marito di Alice, Gianluca Calzona, che sono poi stati allontanati secondo quanto previsto dal codice visto che dovranno testimoniare più avanti. Una decisione che ha lasciato perplessi gli Scagni: "Non è che sentendo quello che si dice in aula cambieremo posizione - ha detto Zarri -. Noi siamo qui per accertare la verità che è quella a cui ha diritto Antonella ma soprattutto il nostro nipotino Alessandro, perché ha diritto di sapere chi ha fatto e chi non ha fatto nulla". Il giudice Massimo Cusatti, che presiede la corte con sei giudici popolari di cui sei donne, ha snellito la lista testimoniale delle parti civili, in particolare quella dei genitori, spiegando che la parte civile ha un "ruolo vicario che si deve limitare al risarcimento e alla richiesta di condanna". (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Toti: legali Signorini chiedono attenuazione misura cautelare
Toti: legali Signorini chiedono attenuazione misura cautelare
Denuncia violenza subita in ospedale e si toglie la vita
Denuncia violenza subita in ospedale e si toglie la vita
Uccide ladro, tabaccaio condannato a cinque anni
Uccide ladro, tabaccaio condannato a cinque anni
Bimba di 3 anni precipita dal balcone di casa, gravissima
Bimba di 3 anni precipita dal balcone di casa, gravissima
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...