Tiscali.it
SEGUICI

Uccise sorella, legali famiglia Scagni 'agenti contraddittori'

di Ansa   
Uccise sorella, legali famiglia Scagni 'agenti contraddittori'

(ANSA) - GENOVA, 04 MAR - I due agenti che, il primo maggio 2022, gestirono la telefonata dei genitori di Alice Scagni "si sono contraddetti e per questo non si può archiviare". Lo scrivono i legali della famiglia Scagni Fabio Anselmo e Alessandra Pisa nella loro memoria di opposizione alla richiesta di archiviazione per i poliziotti e la dottoressa della Salute mentale indagati nell'inchiesta bis. L'indagine era nata dopo un esposto a seguito della morte di Alice, uccisa dal fratello Alberto sotto casa a Quinto.

Secondo i familiari sette ore prima della tragedia avevano chiamato in questura dicendo che il figlio li aveva minacciati e aveva minacciato anche la figlia e il marito. Gli agenti avevano risposto di stare in casa e di non potere intervenire perché Alberto non era una minaccia concreta in quel momento. In particolare i legali sottolineano come il capoturno ha affermato di non avere fatto alcun collegamento fra quelle chiamate così pesanti e l'intervento che lui stesso aveva coordinato il giorno prima, quando le volanti erano intervenute per l'incendio della porta di casa della nonna dei due fratelli per cui il sospettato era proprio Alberto. Ma il collega lo avrebbe smentito. Una contraddizione, che emerge negli audio pubblicati dal sito di Repubblica, che i legali definiscono "imbarazzante". "Su tali contraddizioni fra i due indagati - continuano Anselmo e Pisa - la Procura nulla osserva. Peraltro, nulla è stato chiesto da parte della Procura del fatto che lo Scagni era stato indicato da lui stesso come 'psichiatrico'". Domani il giudice sentirà le discussioni delle parti e poi si riserverà prima di decidere se accogliere o meno la richiesta di archiviazione. (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

Nei papiri di Ercolano il luogo di sepoltura di Platone
Nei papiri di Ercolano il luogo di sepoltura di Platone
25 aprile: Guido Levi, caso Scurati qualcosa simile alla censura
25 aprile: Guido Levi, caso Scurati qualcosa simile alla censura
Tensione al corteo di Torino, identificati 30 attivisti
Tensione al corteo di Torino, identificati 30 attivisti
Auto in panne sotto la tormenta di neve, salvati tre giovani
Auto in panne sotto la tormenta di neve, salvati tre giovani

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...