Tiscali.it
SEGUICI

Tragedia a Eboli, bimbo di pochi mesi strappato dalle braccia dello zio e sbranato da due pitbull

Il piccolo era in braccio allo zio e in compagnia della mamma quando i due cani, liberi e non sorvegliati, sono entrati dal cortile di una vicina abitazione all'interno del giardino della villetta aggredendoli

TiscaliNews   
Loading...
Codice da incorporare:

Un bambino di 15 mesi è stato azzannato da due pitbull, morendo poco dopo a seguito delle gravi ferite riportate. Il dramma si è consumato a Campolongo, frazione di Eboli (Salerno). L'episodio è avvenuto di primo mattino, mentre il bimbo era in braccio ad uno zio e in compagnia della madre. Secondo una prima ricostruzione i cani sarebbero entrati all'interno del cortile privato, aggredendo immediatamente il piccolo e gli adulti. Nonostante l'immediato arrivo dei soccorsi, per il bambino non c'è stato nulla da fare. Sul caso la Procura di Salerno ha aperto un'inchiesta. Le indagini sono condotte dai carabinieri della compagnia di Eboli.

La zia: "I cani non conoscevano il bimbo"

"Forse i cani hanno pensato che il bambino fosse un pericolo poiché non lo avevano mai visto". Lo ha detto ai giornalisti Milena Santoro, la sorella della mamma della piccola vittima. "I cani - ha spiegato la zia del bambino - erano già chiusi in stanza quando sono arrivata. Non ho neanche visto il piccolo, che era mio nipote. La mamma è mia sorella. Lei mi ha raccontato che i cani l'hanno attaccato direttamente. Non so se fosse in braccio alla mamma o ad altri: c'erano anche i miei due fratelli in casa, forse era in braccio ad uno di loro, credo di sì". "I cani - ha raccontato ancora la donna - non conoscevano il piccolo perché quando lui usciva, venivano chiusi. Forse sono scappati dalla stanza quando lo hanno visto. Erano di una mia amica che abita qui. Noi li conoscevamo, ma non si sono mai buttati addosso a noi. Mia sorella è venuta qui solo domenica sera a casa della sua amica con il bimbo. Ha dormito qui con l'amica. Il papà del bimbo invece non c'era".

I pitbull sarebbero di proprietà di un'amica di famiglia

Secondo quanto si apprende, i pitbull non erano sorvegliati. Sarebbero fuggiti da un cortile attiguo all'abitazione dove si trovava il piccolo, raggiungendo il giardino della villetta dove hanno poi sferrato l'attacco letale. La padrona dei cani non avrebbe sorvegliato i due pitbull, e non sarebbe neppure più residente in zona. Nel disperato tentativo di salvare il bimbo dalla ferocia dei pitbull è rimasta ferita anche la mamma della vittima. La donna è tuttora ricoverata in ospedale per le ferite riportate e in grave stato di shock. 

I cani sono stati presi in consegna dal servizio veterinario

"È stato letteralmente strappato dalle sue braccia e azzannato. Il servizio veterinario prenderà entrambi i cani. E' stata una aggressione feroce e nonostante sia anche intervenuto uno zio del bambino per cercare di liberarlo, non c'è stato niente da fare - spiega il sindaco di Eboli, Mario Conte -. Il tutto è avvenuto improvvisamente, in pochi istanti e nessuno si spiega come sia potuto accadere in quanto questi cani sono lì da sempre. In questa casa la famiglia del bambino dovrebbero essere in locazione. E' una tragedia che ha sconvolto tutta la comunità. E deve essere da monito per chi possiede questi cani che sono purtroppo particolari, con esigenze particolari. Chi ha questi cani deve stare molto attento. Qui abbiamo perso un bambino piccolo, una cosa che colpisce tutti. Da quello che mi hanno riferito non sono mai accaduti episodi preoccupanti". Sul posto della tragedia, da quanto ha appreso anche il primo cittadino, "dovrebbe esserci anche la signora proprietaria dei cani che al momento sta vicino alla mamma del piccolo".

L'Oipa: "Particolari razze affidate solo a chi ha patentino"

Una richiesta al legislatore di "regolamentare la detenzione di determinati tipi di cani che troppo spesso vengono scelti anche da persone non in grado di gestirli correttamente" arriva dall'Oipa, l'Organizzazione internazionale protezione degli animali dopo l'uccisione del bimbo. A livello locale, spiega l'Oipa, "alcuni Comuni, come quello di Milano, hanno regolamentato la materia prevedendo la concessione di patentini per la detenzione di alcune razze o simil-razze". Ma come gestire un cane cosiddetto "pericoloso" e cosa dice la legge sulla loro gestione? L'Oipa risponde che, in primo luogo, non esiste un elenco di cani ritenuti "pericolosi". "Nel 2006 il Ministero della Salute ha emesso un'ordinanza riguardante la 'tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani', nella quale era prevista una lista di razze canine ritenute pericolose. Successive ordinanze hanno poi abolito questo elenco a causa della relativa incertezza e, soprattutto, della discriminazione delle razze". "Attualmente la pericolosità di un cane viene determinata a seconda di fatti specifici", spiega l'avvocato Claudia Taccani, responsabile dell'Ufficio legale dell'Oipa.

"In caso di morsicatura o zuffa tra cani, infatti, il cane e il suo proprietario vengono segnalati al Servizio veterinario Asl, che tiene un registro dei cani dichiarati aggressivi, e sono obbligati a seguire un corso formativo. Il corso è organizzato dal Comune, insieme al Servizio veterinario dell'Azienda sanitaria locale, avvalendosi della collaborazione degli Ordini professionali dei medici veterinari e di associazioni di protezione animale. Le spese sono sostenute dal proprietario del cane 'impegnativo'. In caso di pericolosità grave, scatta l'obbligo di stipulare una polizza assicurativa e l'obbligo di utilizzare il guinzaglio e la museruola nelle strade e nei luoghi aperti al pubblico".

Codacons, ogni anno 70mila aggressioni

"Dopo la tragedia di Eboli, dove un bimbo di 15 mesi è stato sbranato da due pitbull", il Codacons torna a chiedere "a gran voce misure per garantire la sicurezza dei cittadini e limitare il fenomeno dei cani potenzialmente pericolosi". "Al di là del caso specifico e delle dinamiche che hanno causato l'aggressione", secondo Codacons "è indubbio che esistano razze di cani potenzialmente pericolose per l'uomo, e che la loro diffusione sul territorio è in forte aumento anche a causa di mode e tendenze del momento - afferma il Codacons -. Indipendentemente dall' educazione che si dà al proprio animale, è universalmente riconosciuto come alcune razze, ad esempio pitbull o rottweiler, per le loro caratteristiche peculiari fisiche (potenza, robustezza, dentatura) possano provocare ferite letali in caso di morsicatura".

"Proprio per questo, e senza ovviamente demonizzare gli animali, chiediamo da tempo un patentino obbligatorio per chi possiede cani particolarmente potenti e potenzialmente pericolosi. Il morso di un volpino, infatti, non causa certo le stesse ferite del morso di un pitbull. L' aver eliminato la lista delle 17 razze di cani a rischio introdotta dall' ex Ministro Sirchia ha di fatto cancellato qualsiasi obbligo per i loro proprietari, con conseguenze negative sul fronte della sicurezza. Una lista che, anche alla luce della tragedia di Eboli, andrebbe ripristinata, considerando che ogni anno si contano in Italia circa 70mila aggressioni a danno dell'uomo da parte di cani, e che non tutte le razze sono adatte a chiunque", conclude il Codacons.

TiscaliNews   
I più recenti
Carabinieri, 'vicinanza a Mori, ha reso lustro all'Arma'
Carabinieri, 'vicinanza a Mori, ha reso lustro all'Arma'
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...