Tiscali.it
SEGUICI

In Italia torna il freddo: l'elenco delle città italiane dove è possibile riaccendere i termosifoni. Gli orari e i limiti

Parma e Verona sono le prime che hanno deciso di rimettere in funzione i caloriferi, almeno fino a fine mese, ma a queste cittadine se ne sono aggiunte molte altre

TiscaliNews   
Termosifone
Termosifone (Foto Ansa)

Complici le condizioni meteo anomale per il periodo che hanno portato a brusco abbassamento delle temperature, dal Nord al Centro molti comuni italiani sono stati costretti a dare l’ok alla riaccensione dei i termosifoni nelle case degli italiani, in alcuni casi fino al 30 di aprile. Parma e Verona sono le prime città che hanno deciso rimettere in funzione i caloriferi, ma a queste se ne sono aggiunte molte altre.

Le città del Veneto

Il sindaco di Verona Damiano Tommasi ha emesso un’ordinanza per consentire la riaccensione dei sistemi di riscaldamento. Secondo quanto annunciato da Palazzo Barbieri, dal 19 aprile al 30 aprile sarà consentito l’utilizzo dei termosifoni per un massimo di sette ore al giorno, con la temperatura massima fissata a 19°C, sia per gli edifici pubblici che per quelli privati. Per gli edifici industriali e assimilabili, la temperatura sarà regolata a 17°C. Riscaldamenti riaccesi anche a Merano, dove il sindaco Dario Dal Medico ha autorizzato il prolungamento dell’esercizio degli impianti fino a martedì 30 aprile 2024 per un massimo di sette ore al giorno.

Le città dell’Emilia Romagna

Decisione simile a Parma, con il Comune che ha deciso di autorizzare la riaccensione dei sistemi di riscaldamento negli appartamenti. L’ordinanza è immediata e rimarrà in vigore fino alle ore 24 del 28 aprile. “Oggi il Comune ha stabilito l’accensione facoltativa dei sistemi di riscaldamento – si legge nella nota ufficiale – consentendo il funzionamento degli impianti per un massimo di 6,5 ore al giorno, dalle 5:00 alle 23:00”.
Oltre a Parma, in Emilia-Romagna hanno firmato un’ordinanza per la riaccensione anche i sindaci di Granarolo dell’Emilia, Castel San Pietro Terme e Castenaso, cittadine nel bolognese, e di Reggio Emilia. Considerato il sensibile calo delle temperature, nel reggiano anche per i prossimi giorni attraverso un’ordinanza si potrà tenere acceso il riscaldamento per massino 7 ore al giorno.
Anche a Bologna l’Amministrazione comunale, tenuto conto delle attuali condizioni climatiche e delle possibili ripercussioni negative sulla salute delle fasce più deboli della cittadinanza, ha autorizzato la proroga dell’accensione degli impianti di riscaldamento di tutte le tipologie di edifici fino al 26 aprile compreso, fino a un massimo di 6 ore giornaliere ed entro la soglia di 19 gradi negli ambienti.

Le città della Liguria

L’ondata di freddo che sta investendo la Liguria in queste ore, addirittura con il ritorno della neve in alcune zone, ha convinto il sindaco di Genova Marco Bucci a firmare un’ordinanza che permette la riaccensione facoltativa degli impianti di riscaldamento fino al 30 aprile.
A Lavagna, il sindaco ha firmato venerdì un’ordinanza per la proroga dell’accensione dei riscaldamenti dal 19 aprile al 23 aprile, per un massimo di 6 ore al giorno. Anche a La Spezia si applicherà la stessa disposizione, mentre a Recco la decisione è stata presa già martedì scorso, con l’accensione prevista dal 15 al 30 aprile per 8 ore al giorno, divise in due fasce da 4 ore. Stessa cosa a Bogliasco, a partire dal 22 aprile, fino al 28 aprile, per un massimo di sei ore al giorno.

Le città della Lombardia

Anche la Lombardia si prepara a riaccendere i termosifoni: a Vimercate, nella provincia di Monza e Brianza, dal 15 aprile  gli impianti di riscaldamento possono essere accesi per un massimo di 7 ore giornaliere, con una temperatura massima di esercizio di 19 gradi.
Ma anche a Brescia la sindaca Laura Castelletti ha autorizzato una proroga dell’accensione degli impianti termici, addirittura fino al prossimo 6 maggio compreso. A Rho, nel Milanese, si potranno accendere per un massimo di sette ore giornaliere, tra le 5.00 e le 23.00 da lunedì 22 aprile e per la settimana successiva. Stessa cosa a Bollate.
A Bergamo non c’è al momento un’ordinanza specifica del Comune, ma la precedente, che prevedeva l’accensione dei termosifoni dal 25 ottobre 2023 fino al 15 aprile 2024, stabilisce già di suo che, in caso di abbassamento delle temperature, è possibile attivare, per un massimo di 7 ore al giorno, gli impianti termici: quindi si può fare.

Le città del Piemonte

Il Piemonte si prepara alla riaccensione: ad Alessandria è stata concessa la possibilità di anticipare l’attivazione degli impianti termici, con i cittadini che potranno attivare i propri sistemi di riscaldamento per un massimo di sette ore al giorno. Anche a Biella e Alba è stata presa la stessa decisione.
Novara anche ha disposto l’accensione del riscaldamento: anche lì, a causa della quale le temperature previste per prossimi giorni risultano al di sotto dei valori stagionali, particolarmente rigide di mattina e sera, il Comune ha dato il via libera, senza ulteriori provvedimenti, per l’accensione facoltativa dei termosifoni per tutte le categorie di edifici, per un limite massimo di 7 ore giornaliere.

Le città Friuli Venezia Giulia

Visto il calo delle temperature anche nel Friuli, il Comune di Udine ha consentito l’accensione facoltativa degli impianti di riscaldamento installati sul territorio comunale nel limite delle 7 ore giornaliere. Decisione uguale anche a Pordenone, fino al 28 aprile ma per un massino di 6 ore e 30 minuti.

Le città dell’Abruzzo

In Abruzzo, le prime sono state Chieti e Avezzano, con i sindaci che hanno firmato l’ordinanza per la riaccensione dei termosifoni, da oggi e fino alla giornata di mercoledì 1° maggio compreso. Un atto necessario per il brusco riabbassamento delle temperature e a fronte delle istanze di tantissimi cittadini, soprattutto anziani e vulnerabili.

Le città della Toscana

Riaccensione dei termosifoni anche in Toscana,  ad Arezzo (da venerdì 19 aprile fino a mercoledì 24 aprile compreso, nel limite massimo di sei ore giornaliere e con l’invito a non superare la temperatura di 17°C per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali ed assimilabili e di 19 °C per tutti gli altri edifici) e Borgo San Lorenzo, nel fiorentino.
Anche il sindaco di Siena, Nicoletta Fabio, ha firmato un’ordinanza per prorogare l’accensione degli impianti di riscaldamento a partire dal 15 aprile fino al 30 aprile 2024, sia negli edifici pubblici che privati. Questi impianti potranno essere utilizzati per un massimo di sei ore al giorno, distribuite liberamente durante la giornata.

TiscaliNews   
I più recenti
Ladri nella notte in casa Salvini a Roma
Ladri nella notte in casa Salvini a Roma
Suicida in diretta su Tiktok, esposto in Procura a Bologna
Suicida in diretta su Tiktok, esposto in Procura a Bologna
G7 in Puglia, Virgilio influencer con l'intelligenza artificiale
G7 in Puglia, Virgilio influencer con l'intelligenza artificiale
Leghisti aggrediti a Rivoli, denunciate tre persone
Leghisti aggrediti a Rivoli, denunciate tre persone
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...