Si arrampica su un monumento per farsi selfie ma cade: grave un ragazzo 23enne

Per scattare la foto il giovane si è arrampicato sul monumento equestre in piazza Bodoni, nel centro di Torino, da dove è precipitato e ha sbattuto la testa

Monumento equestre in piazza Bodoni, Torino
Monumento equestre in piazza Bodoni, Torino
TiscaliNews

L’idea di farsi un selfie ricordo dopo una serata in birreria con gli amici è costata cara a un 23enne. Il giovane per rendere ancora più memorabile il culmine della giornata si è arrampicato sul monumento equestre in piazza Bodoni, nel centro di Torino, per scattarsi una foto ma è caduto e ha sbattuto la testa.

I soccorsi

Il giovane è stato trasportato dal 118 all'ospedale Cto. Intubato, ha riportato un trauma cranico. La prognosi è riservata. Da una prima ricostruzione della Polizia, il ragazzo era andato in birreria con alcuni amici. Poi, probabilmente per scattare delle foto, si è arrampicato sul monumento ed ha perso l'equilibrio ed è caduto rovinosamente a terra.

La moda dei selfie estremi

La moda dei selfie estremi sta contagiando sempre più giovani e non solo. La popolarità, oggi, è la nuova malattia e la sfida consiste proprio nella realizzazione di un’immagine e di video da postare sui social che diventino, in poco tempo, virali e cliccatissimi. I ragazzi sempre a caccia di like e condivisioni sul proprio profilo arrivano a scattarsi le foto in modo spericolato con il rischio di farsi molto male, e arrivando persino a mettere a repentaglio la loro vita.

Selfie-killer

Ormai da alcuni anni si presentano sempre più incidenti proprio a causa degli autoscatti. Molte persone sono morte mentre scattavano una foto. Come riportato nel Rapporto Italia 2019 dell’Eurispes, che cita uno studio dell’India Intitute of Medical Sciences di New Delhi, in sei anni (ottobre 2011-novembre 2017) 259 persone in tutto il mondo sono morte a causa di autoscatti fatali (2 in Italia). Nell’84% dei casi le vittime erano giovani tra i 10 e i 29 anni: 153 gli uomini, 106 le donne. Morti per annegamento (70), incidenti legati a mezzi di trasporto (51), caduti da grandi altezze (48), divorati dalle fiamme (48), fulminati da scariche elettriche (16), colpiti da arma da fuoco (11), uccisi da animali selvatici (8). Morti per catturare l’attimo, per rendere pubblica una esperienza imperdibile