Tiscali.it
SEGUICI

Terremoto ai Campi Flegrei: ancora paura a Napoli. Cittadini in strada esasperati

La scossa di magnitudo 4.0 non ha creato ingenti danni ma ha spinto molte persone ad abbandonare le abitazioni

TiscaliNews   
Terremoto ai Campi Flegrei: ancora paura a Napoli. Cittadini in strada esasperati
Persone in strada dopo il terremoto (Ansa)

Una scossa di terremoto, avvertita distintamente ieri sera a Napoli, ha avuto come epicentro i Campi Flegrei, dove è stata registrata una magnitudo di 4.0. Lo si apprende dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, secondo cui il sisma è avvenuto alle 22.08, ad una profondità di 3 chilometri. Il terremoto è stato avvertito distintamente in varie zone della città, sia nella zona collinare del Vomero sia sul lungomare, a Posillipo e nelle aree del centro a ridosso di piazza del Plebiscito. 

L’epicentro

Nella zona di via Pisciarelli, epicentro del terremoto, al confine tra il Comune di Pozzuoli ed Agnano, frazione di Napoli, molte persone hanno trascorso la notte in strada. Alcuni si sono fatti coraggio e sono tornati nelle loro abitazioni, ma molti hanno ancora paura. Ci sono persone, come una coppia di anziani, che aspettano con le valigie sul marciapiede: "ora arrivano dei nostri parenti, ci porteranno a casa loro", dicono. Intanto, continuano le verifiche di stabilità degli edifici, sia pubblici che privati, ed anche presso alcune fabbriche.

Paura per la caduta di calcinacci

Il terremoto ha provocato molta paura nella zona dell'epicentro, dove si registra la caduta di alcuni calcinacci, soprattutto nell'area di Agnano, ma allo stato nessun danno significativo. Le persone si sono però riversate in strada e non vogliono tornare nelle loro abitazioni. Il centralino dei vigili del fuoco di Napoli è stato letteralmente preso d'assalto dalle telefonate di centinaia di cittadini spaventati. Numerose le segnalazioni, in molti hanno chiamato solo perché scossi dalla paura.

Rabbia ed esasperazione dei cittadini

Non solo paura, ma anche esasperazione mista a rabbia, tra la gente di Pozzuoli che si trova in strada dopo la scossa di terremoto che in serata ha scosso questo comune dei Campi Flegrei. "Non ci dicono la verità", afferma una donna, sostenendo che la stima di magnitudo 4.0 sia sottostimata. "Mi sembrava che casa crollasse", dice un altro. Ed anche su Facebook, nel profilo del Comune e del sindaco Gigi Manzoni, ci sono commenti da cui traspare lo scoramento e l'ansia di persone che sono alle prese ormai da molto tempo con un interminabile sciame sismico. Proprio oggi in Regione si è tenuta una riunione sugli eventi sismici che stanno interessando la zona dei Campi Flegrei, con il governatore Vincenzo De Luca, per fare in particolare una verifica sui piani già esistenti sul fronte dei trasporti e della sanità.

Osservatorio Vesuviano: terremoto superficiale ma lo sciame continua 

"Si è trattato di un terremoto superficiale, le persone lo hanno sentito bene soprattutto nell'area di Agnano, più vicina all'epicentro. Ci aspettiamo anche altri eventi, ma al di là di qualche calcinaccio caduto, allo stato non sembra ci siano danni importanti alle strutture". Questa la prima disamina del direttore dell' Osservatorio Vesuviano, Mauro Di Vito, intervenuto ai microfoni di Canale 21.

"L'attività sismica prosegue e proseguirà. Su questo - spiega Di Mauro - nessun dubbio. Il sollevamento del suolo continuerà. La difese da adottare consistono nei comportamenti corretti da tenere. Bisogna gestire la paura e fare tutte le verifiche del caso agli edifici. I terremoti - ha concluso - non sono prevedibili ma posso assicurare che si sta facendo di tutto per mitigare gli effetti del sisma".

TiscaliNews   

I più recenti

Piantedosi, 'niente processi sommari alle forze di polizia'
Piantedosi, 'niente processi sommari alle forze di polizia'
Sofia uccisa a vent'anni dall'ex: amica, 'attendiamo giustizia'
Sofia uccisa a vent'anni dall'ex: amica, 'attendiamo giustizia'
Postale, oltre mille attacchi hacker solo a gennaio, 66 critici
Postale, oltre mille attacchi hacker solo a gennaio, 66 critici
In fuga con figlia di quattro anni, fermata in Toscana
In fuga con figlia di quattro anni, fermata in Toscana

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...