Ottocento imprenditori si sono suicidati negli ultimi 5 anni: i dati shock

Il triste primato spetta al Veneto ma anche la Campania non scherza. Storie come quella di Antonio, Mario e Tiziana descrivono bene la situazione. In un film verità la denuncia per i morti dimenticati

Tanti i suicidi dovuti alla crisi
Tanti i suicidi dovuti alla crisi
di Ignazio Dessì   -   Facebook: I. Dessì

Cronaca di una passione di Fabrizio Cattani è un film destinato a far discutere, a gettare un fascio di luce su una realtà finita inspiegabilmente nel cono d’ombra delle attenzioni di una Italia troppo tesa a darsi arie di Paese in ripresa. Parla sostanzialmente dei 628 piccoli imprenditori morti suicidi per cause legate alla crisi economica tra il 2012 e il 2015, dei 193 che hanno spento le loro esistenze da gennaio a ottobre del 2016.

Il primato del Veneto

Non desta sorpresa che la prima presentazione della pellicola sia stata fatta in Veneto, regione in testa alla classifica di questi toccanti avvenimenti. A Vicenza – come racconta Giampaolo Visetti, inviato di Repubblica – è stata l’occasione per “rendere un omaggio ai tanti caduti anonimi del Paese che non ce la fa. Gente umile e onesta, semplice e normale, spesso anziana, protagonista dell’esaurito modello Nordest, affondato nei debiti” e sconquassato dai pignoramenti di Equitalia.

Storia di Antonio

Nel cinema Roma, nella bella cittadina veneta, le storie di ordinaria disperazione, di disillusione e umiliazione, vengono snocciolate come in un triste rosario. Storie come quella di Antonio, 56 anni, titolare a suo tempo di una azienda metalmeccanica poi caduta in preda alla crisi e ai debiti. Anche se lui aveva fatto di tutto per raggranellare i soldi e saldare le more di Equitalia. Contava soprattutto su quei pagamenti che doveva fargli lo Stato, come ricorda il quotidiano romano. Quelli che poi non erano arrivati. Lo sfratto invece era arrivato puntuale.

Il regista Fabrizio Cattani

(Il regista Fabrizio Cattani)

Antonio aveva perfino provato a fare il meccanico per 500 euro al mese, in nero, pur di restare a galla. Poi la famiglia si era divisa, per necessità. Rimasta senza casa, la moglie si era trasferita con i 2 figli dalla madre. Lui aveva accettato di fare da badante a una vecchia zia in cambio di un letto e un pasto caldo. Si vedevano qualche volta per discutere delle rate universitarie dei ragazzi e probabilmente per cercare di darsi un po’ di conforto a vicenda, dirsi che potevano ricominciare, come una volta. Alla fine però Antonio non ce l’ha fatta più. Forse ha prevalso la disperazione, forse la vergogna.

Erano il fiore all'occhiello

In quel Nordest che si presentava come un fiore all’occhiello dell’Italia produttiva erano in tanti gli Antonio, piccoli imprenditori, artigiani, commercianti che si erano fatti da sé, come era d'uso dire allora e provano a dire ancora. Che avevano lavorato duro, magari partendo da una posizione da dipendente per poi mettersi in proprio e avviare floride aziende. La crisi ha spazzato via tutto. Dicono che molti abbiano preferito il suicidio anche perché non riuscivano a tollerare l’idea di non poter pagare i loro dipendenti. Gente con cui avevano lavorato fianco a fianco, con cui avevano spesso rapporti di amicizia fraterni.

Storia di Mario

I figli di Mario - racconta sempre Repubblica – non hanno dubbi. Il padre si è ucciso per amore loro. Il rapporto con la loro mamma era saltato e lui si era trovato a pagare l’assegno di mantenimento insieme all’affitto, alle bollette, alle rate dei macchinari della falegnameria e ai contributi dei dipendenti.  “Ci ha chiesto scusa. Aveva una assicurazione sulla vita. L’ha fatto per noi”, sostengono trattenendo le lacrime.

Sono oltre 800 i suicidi per motivi relativi alla crisi economica

(Sono oltre 800 i suicidi per motivi relativi alla crisi economica)

Una occasione per riflettere

Possibile che in questa Italia uccidersi diventi per molti l’unica via d’uscita? Perché è più importante salvare le banche che la vita di tante persone? Il film è un’occasione per riflettere su tante di queste considerazioni e non per nulla è già diventato un caso.

Il problema è di grande attualità, anche se parzialmente ignorato. In Veneto c’è l’incidenza massima dei suicidi rilevati. Si parla del 18,6 per cento. Seguono la Campania col 12,6 per cento e la Lombardia col 9,4 per cento. La categoria più esposta è quella degli imprenditori, piccoli e medi (46 per cento), ma  anche tra i disoccupati l’incidenza è alta (34,9 per cento). E il fenomeno non sembra destinato a fermarsi.

Per questo la testimonianza offerta dal film di Cattani è l’occasione giusta - forse attesa da tempo - per mettere in discussione una “organizzazione collettiva che pretende la vita di chi non sta al passo con le regole della finanza pubblica”. Che riserva a chi cade nel vortice del fallimento e della difficoltà la perdita della dignità, una umiliazione senza fine e una tragica via d'uscita.

Un tour in tutto il Paese

Il film non è destinato a circolare nelle grandi multisale. Si tratta di un lavoro autoprodotto e destinato ai piccoli circuiti, quelli dove si è disposti a discutere del problema dopo la proiezione. Sembra comunque aver centrato l’obiettivo di destare attenzione nel pubblico e, dopo il tour in Veneto, si prepara a viaggiare per tutto il Paese, a cominciare dalla Campania.

Il suo messaggio comincia a seminare domande. Si finisce, per esempio, col chiedersi cosa sia e cosa dovrebbe essere il welfare, quello che ormai è rappresentato per tanti solo “dai familiari”, come sostiene il regista. Davanti alla cui inadeguatezza si scopre che “le buone intenzioni, il buon senso, il sostegno e la generosità in genere e il supporto delle istituzioni diventano solo parole o propaganda”.

Tiziana: "Ci si sente inutili" 

Invece servirebbero misure concrete. Quando le cose vanno male e ci si sente soli e abbandonati, quando “si finisce con i mobili ammassati in un garage e un materasso steso davanti ai fornelli prima di essere cacciati anche da lì per motivi igienici” è facile sentirsi persone che “non valgono più niente”, come afferma Tiziana che un tempo aveva un lavasecco ad Asiago ed ora è ospite della Caritas. Possibile che non si faccia nulla per arginare questa grande piaga aperta dalla crisi? Per tendere in modo equo una mano a chi ne ha bisogno? “Nemmeno lo Stato – come sostiene Cattani - può pignorare la vita”.