Tiscali.it
SEGUICI

Stuprò una ragazza alla stazione di Treviso, Zuluaga fuori per un cavillo si dà alla fuga

Aveva appena finito di scontare sei anni ma ne mancavano altri sette. Le norme internazionali hanno permesso la scarcerazione: emesso un mandato di cattura internazionale

TiscaliNews   
L'arresto di Zuluaga

Aveva due condanne a suo carico, una scontata l'altra no. Eppure Julio Cesar Aguirre Zuluaga, l'uomo che nel 2011 stuprò una studentessa alla stazione di Treviso, è uscito dal carcere grazie a un cavillo e si è reso subito irreperibile. A suo carico vi era anche un altro stupro, quello ai danni di un'amica della madre, che gli costò un cumuluo di pene per un totale di 13 anni e sei mesi. In cella però ci è rimasto poco meno di sei anni. La scarcerazione e l'irreperibilità risalgono al settembre scorso.

Mandato di cattura internazionale

La procura di Treviso ha emesso in questi giorni un mandato di cattura internazionale per trovare l'uomo e fargli scontare la pena residua. All'epoca del primo crimine ai danni di una studentessa universitaria di 23 anni, che aggredì alla stazione mentre cercava di prendere un treno per recarsi in facoltà, il colombiano aveva 30 anni ed era reduce da una notte di alcol e droga. Dopo lo stupro la fuga in Francia, dove venne arrestato mentre era in procinto di arruolarsi nella Legione straniera. 

La procura di Treviso chiese e ottenne dalla Francia l'estradizione, ma solo per il primo crimine. Per il secondo, la cui condanna intervenne mentre l'uomo stava scontando sei anni e due mesi, nessun provvedimento internazionale venne sollecitato. Ragion per cui, nonostante la pena residua di sette anni e 4 mesi comminati per il secondo stupro, Zuluaga è stato rilasciato. Il Tribunale non hafatto in tempo a ottenere un'estensione della pena ed evitare che il 36enne uscisse dal carcere. 

Ora l'uomo è irreperibile grazie alle norme internazionali. Come scrive la Tribuna di Treviso alla giovane vittima dellom stupro della stazione, che oggi è laureata e conduce una vita serena, non importa nulla: la pena è stata scontata. La vita va avanti. 

TiscaliNews   

I più recenti

Sassi contro i treni, 5 minorenni denunciati nel Lodigiano
Sassi contro i treni, 5 minorenni denunciati nel Lodigiano
I genitori dell'ostaggio Hersh Goldberg-Polin: firmate cessate-il-fuoco
I genitori dell'ostaggio Hersh Goldberg-Polin: firmate cessate-il-fuoco
Presidio contro la tortura al Beccaria: Tutti fuori dalle galere
Presidio contro la tortura al Beccaria: Tutti fuori dalle galere

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...