Tiscali.it
SEGUICI

Manifestanti pro Palestina irrompono alla Conferenza di Torino dopo i tafferugli di questa mattina

Un gruppo di ragazzi e ragazze del Politecnico del capoluogo piemontese chiede agli addetti scientifici e spaziali di "prendere posizione contro il genocidio del popolo palestinese e del popolo curdo"

TiscaliNews   
Manifestanti pro Palestina irrompono alla Conferenza di Torino dopo i tafferugli di questa mattina

Dopo gli scontri con la polizia della mattinata, un gruppo di una decina di ragazzi e ragazze hanno fatto irruzione al grido di "Palestina libera" nel Castello del Valentino di Torino, dove è in corso la Conferenza degli addetti scientifici e spaziali. I ministri Tajani, Bernini, Lollobrigida e Pichetto avevano già lasciato l'edificio dopo aver partecipato alla sessione mattutina del convegno.

La maggior parte dei ragazzi - che affermavano di essere studenti del politecnico di Torino - è stata bloccata prima dell'ingresso nel Salone d'Onore, dove si attendeva la ripresa pomeridiana dell'evento. Solo una ragazza è riuscita ad entrare con una bandiera palestinese. "Prendete posizione contro un genocidio contro il popolo palestinese e il popolo curdo", ha gridato la ragazza che è riuscita ad entrare nel salone. "Non vogliono interrompere gli accordi con Israele e voi state qui a discutere mentre c'è gente che muore".

Studenti e studentesse irrompono alla Conferenza degli addetti scientifici e spaziali (Ansa)

Studenti usciti dalla sala senza problemi

Dopo qualche minuto, la ragazza è stata portata via con la forza dalla sala. Il gruppo di manifestanti si è quindi diretto verso l'uscita dell'edificio, ma è stato bloccato dagli agenti in assetto antisommossa, che ne ha impedito l'uscita in un primo momento. Dopo alcuni minuti di attesa senza particolari tensioni, le forze dell'ordine hanno lasciato uscire il gruppo di protesta.

Tafferugli al corteo della mattina

I cordoni della polizia hanno respinto con gli scudi i manifestanti dei collettivi universitari di Torino che stavano cercando di raggiungere il castello del Valentino dov'è in corso la conferenza degli addetti scientifici e spaziali e degli esperti agricoli con l'annunciata presenza di numerosi ministri. Una cinquantina di attivisti ha cercato di aggirare le forze dell'ordine e c'è stato un parapiglia con la polizia che ha utilizzato gli scudi per respingere i giovani, in corso Cairoli, a qualche centinaia di metri dal castello del Valentino. Sette poliziotti sono rimasti contusi durante i tentativi di sfondamento da parte dei manifestanti. Anche i manifestanti affermano che ci sono stati dei feriti nelle loro file.

Oltre 30 persone sono state identificate dalla Digos tra cui militanti del centro sociale Askatasuna che hanno coordinato - secondo gli investigatori - i vari tentativi di sfondamento durante la mattinata. Gli identificati verranno denunciati. Alla fine del corteo, gli attivisti hanno lanciato un appello per partecipare alla fiaccolata di mercoledì per il 25 aprile, dove sarà presente uno spezzone dei centri sociali e dei pro Palestina. 

Stamattina contusi tra le forze dell'ordine e i manifestanti

Intanto questa mattina si contano feriti tra le forze dell'ordine e i manifestanti. Sette poliziotti sono rimasti contusi questa mattina a Torino durante i tentativi di sfondamento da parte dei manifestanti del corteo che ha tentato di raggiungere il castello del Valentino dov'è in corso la conferenza degli addetti scientifici e spaziali e degli esperti agricoli con l'annunciata presenza di numerosi ministri. Lo rende noto la questura di Torino. Anche i manifestanti affermano che ci sono stati dei feriti nelle loro file.

La solidarietà di Lollobrigida

"Voglio unirmi alla solidarietà che Tajani ha espresso alle forze dell'ordine, perché in questi giorni vanno difesi i diritti previsti nella nostra preziosa Costituzione e ci tocca invece vedere squadracce organizzate che tentano di impedire in un'università un convegno che parla al mondo attraverso i suoi addetti per le politiche estere, la scienza, che non è legata a una ideologia, a un posizionamento politico ma è nell'interesse dell'umanità". Lo ha detto il ministro dell'Agricoltura, Francesco Lollobrigida, a margine della Conferenza degli addetti scientifici a Torino riferendosi al corteo che oggi voleva impedire lo svolgersi dell'evento.

 

 

TiscaliNews   
I più recenti
Superbatteri, una minaccia globale: causano quasi 5 milioni di morti all'anno, cosa sono
Superbatteri, una minaccia globale: causano quasi 5 milioni di morti all'anno, cosa sono
Superbatteri, una minaccia globale: causano quasi 5 milioni di morti all'anno, cosa sono
Superbatteri, una minaccia globale: causano quasi 5 milioni di morti all'anno, cosa sono
Terremoto di magnitudo 3.8 nel Mar Ionio vicino alla Puglia
Terremoto di magnitudo 3.8 nel Mar Ionio vicino alla Puglia
Pirellone illuminato ricorda Falcone
Pirellone illuminato ricorda Falcone
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...