"Scusali Silvio": Travaglio provoca Lucia Annunziata sul conflitto di interessi di certi editori

Il direttore del Fatto Quotidiano in pratica sostiene che la Annunziata dopo una vita passata ad attaccare Berlusconi per il suo conflitto d’interessi ora si schiera contro quel provvedimento solo perché a proporlo sono i cinquestelle

Marco Travaglio e Lucia Annuziata
Marco Travaglio e Lucia Annuziata
TiscaliNews

Travaglio attacca Lucia Annunziata in un editoriale sul Fatto. La conduttrice di In Mezz’ora sulle colonne de La Stampa aveva criticato la proposta del M5S di fare una legge per “mettere di fronte alle proprie responsabilità gli editori impuri”, come riporta Giornalettismo.com.

Il direttore del Fatto Quotidiano in pratica sosterrebbe che la Annunziata "dopo una vita passata ad attaccare Berlusconi per il suo conflitto d’interessi ora si schiererebbe contro quel provvedimento solo perché a proporlo sono i cinquestelle".

"Scusali Silvio"

Così il titolo del pezzo di Travaglio parte già in maniera provocatoria: “Scusali Silvio”, recita. Annunziata viene “rimproverata” per aver scritto a proposito del Silvio nazionale: “Il suo caso ha provato a essere estremo non perché non ci fosse la legge a regolarlo, ma perché estremi erano gli intrecci tra proprietà e politica. E del resto l’opposizione ha fatto di questo intreccio una battaglia”.

Secondo Travaglio il conflitto c’era “prima che Berlusconi entrasse in politica”. Quindi fa un elenco di quelli che secondo lui sono i conflitti d’interessi delle attuali testate.

“Stiamo toccando una delle metastasi del cancro italiano: una classe dirigente che campa da sempre di soldi pubblici e di impunità e la stampa al seguito, che più rivendica la sua libertà e più difende la sua servitù”, conclude il direttore del Fatto.