Tiscali.it
SEGUICI

Scopri se la tua TV funzionerà ancora dal primo gennaio 2020. In vista due switch-off

Nel 2020 cambia la codifica MPEG, nel 2022 lo standard HEVC e DVB-T2. In tanti dovranno rottamare la televisione, altri potranno usarla ma con l’ausilio di un decoder

TiscaliNews   
Scopri se la tua TV funzionerà ancora dal primo gennaio 2020. In vista due switch-off

Molti italiani saranno presto costretti a sostituire la propria TV con un modello tecnologicamente più evoluto. Ciò avverrà a breve, tanto che alcuni dovranno "rottamare" degli apparecchi sostanzialmente nuovi. Nel corso del 2020, e più precisamente dal 1° gennaio del 2020, tutti i canali DTT saranno trasmessi con il nuovo standard MPEG-4, attualmente utilizzato dai canali “HD”. Tutti gli apparecchi con codifica MPEG-2 andranno dunque a morire. L’unica alternativa per continuare a utilizzarli sarà quella di affiancare alle TV obsolete, senza cioè il supporto al formato MPEG-4, un decoder esterno compatibile.

Capire se la televisione in vostro possesso potrà superare indenne il prossimo anno è relativamente semplice. Per gli utenti sarà sufficiente accendere il dispositivo e selezionare uno dei già numerosi canali HD (ad esempio Rai Uno HD, al canale 501, o Canale 5 HD, al canale numero 505): chi non vede i canali dovrà cambiare la TV o acquistare un decoder. La migrazione delle frequenze al nuovo standard non avverrà contestualmente in tutte le regioni. I primi a “godere” della novità, dal 1° gennaio al 31 maggio del 2020, saranno i residenti in Campania, Lazio, Liguria, Toscana, Sardegna e Umbria. Subito dopo, dal 1° giugno al 31 dicembre dello stesso anno toccherà a Lombardia (Mantova esclusa), Piacenza e provincia, Piemonte, Trentino-Alto Adige e Valle d’Aosta. Dal 1° gennaio al 30 giugno del 2021 sarà il turno dei residenti a Catanzaro e provincia, Reggio Calabria e provincia, Sicilia, Vibo Valentia e provincia. Dal 1° settembre al 31 dicembre del 2021 sarà in fine il turno di Veneto, Mantova, Friuli - Venezia - Giulia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, provincia di Cosenza e Crotone.

Chiusa la questione “codifica MPEG” ci sarà - immediatamente - un nuovo switch-off. Nel 2022, infatti, saranno adottati gli standard HEVC (che supporta risoluzioni fino a 8192×4320 - tra cui l’8K UHD) e DVB-T2 (in grado di trasportare flussi a bit-rate variabile con protezione contro il rumore e le interferenze). Le due nuove tecnologie di trasmissione andranno a sostituire l’attuale DVB-T. Il passaggio, in questo caso, avverrà in tempi ristretti, nel periodo compreso tra il 21 e il 30 giugno del 2022.

Per capire se la vostra attuale TV è in grado di rispondere alle nuove specifiche non sarà sufficiente sintonizzarsi sui canali HD. L’utente sarà costretto a leggere attentamente il manuale del proprio apparecchio TV, o comunque cercare le informazioni sul Web. Stando a quanto ribadito da molte associazioni dei consumatori molti italiani potranno comunque stare tranquilli. A partire dal 2017, infatti, vige per i commercianti l’obbligo di vendere esclusivamente televisori compatibili HEVC e DVB-T2: alla peggio sarà necessario affiancare alla TV un decoder esterno.

TiscaliNews   

I più recenti

Gran Sasso, snowboarder scivola dalla seggiovia di Campo Imperatore, il video del salvataggio
Gran Sasso, snowboarder scivola dalla seggiovia di Campo Imperatore, il video del salvataggio
Torino dedica una strada al fisico e matematico Tullio Regge
Torino dedica una strada al fisico e matematico Tullio Regge
Migranti, dopo 7 anni chiesto non luogo a procedere per Iuventa
Migranti, dopo 7 anni chiesto non luogo a procedere per Iuventa
Via ruote, sportelli e motore: ecco come i ladri hanno ridotto un'auto di lusso
Via ruote, sportelli e motore: ecco come i ladri hanno ridotto un'auto di lusso

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...