Tiscali.it
SEGUICI

Saman, le motivazioni della sentenza: "Non si esclude che sia stata la madre a ucciderla"

Abbas Shabbar e Shaheen Nazia, il padre e la madre della giovane pachistana, "hanno letteralmente accompagnato la figlia a morire". Le giudici della Corte d'Assise di Reggio Emilia smontano il fratello, testimone chiave dell'accusa

TiscaliNews   
Saman, la giovane pachistana uccisa dai genitori (Ansa)
Saman, la giovane pachistana uccisa dai genitori (Ansa)

"Gli imputati Abbas Shabbar e Shaheen Nazia" hanno "letteralmente accompagnato la figlia a morire" e non "si esclude che sia stata" la madre "l'esecutrice materiale". E' quanto si legge nelle oltre 600 pagine delle motivazioni della sentenza della Corte di assise di Reggio Emilia che motiva le responsabilità del padre e della madre di Saman Abbas, la giovane pachistana uccisa, entrambi condannati all'ergastolo. I giudici hanno condannato anche lo zio a 16 anni.

Secondo la ricostruzione della procura, la decisione di uccidere Saman Abbas sarebbe stata concordata dai genitori nel corso delle telefonate con lo zio Danish Hasnain e questo lo dimostrerebbero le condotte dei due in occasione dell'uscita di casa con la figlia, documentate dalle telecamere la notte del 30 aprile 2021. "Anzitutto il fatto che - lo si può affermare con sconfortante certezza - gli imputati Abbas Shabbar e Shaheen Nazia abbiano letteralmente accompagnato la figlia a morire".

"La madre potrebbe aver ucciso lei stessa Saman"

Per le giudici, la presidente Cristina Beretti e l'estensora Michela Caputo, "può dirsi indiziariamente accertata la comune volontà degli imputati di commettere l'omicidio della loro stessa figlia, la presenza di entrambi sul luogo del delitto, e il comprovato apporto fornito alla realizzazione dell'evento".

Quindi "eloquenti ed espressivi" sono le movenze e il contegno dei due, ripresi dalle telecamere del casolare di Novellara, la notte del 30 aprile 2021. La madre, in modo fermo e determinato, bloccando con un gesto risoluto il marito, si inoltra sulla carraia con Saman - "per quel minuto che non consente di escludere sia stata lei l'esecutrice materiale". Il marito, che "si mostra tormentato, assumendo atteggiamenti che danno conto della drammaticità di ciò che sta accadendo, ma anche lui resta ad osservare, senza far nulla". Confermando così "la sua adesione psicologica piena al fatto".

"Il fratello di Saman bugiardo e falso accusatore"

Incongruenze, bugie, accuse false: sono alcuni dei modi con cui invece la Corte di assise di Reggio Emilia definisce le parole del fratello di Saman, smontando la figura di quello che è invece stato un testimone chiave dell'accusa. I giudici parlano di "intrinseca inattendibilità e inaffidabilità del narrato" del ragazzo, minorenne all'epoca dell'omicidio e ribadiscono in più occasioni come "nessun riscontro, neppure parziale" sia stato trovato alle dichiarazioni di quello che invece è stato un testimone dell'accusa, in particolare nei confronti di zio e cugini, questi ultimi due assolti dalla Corte.

"Tacendo - sottolineano in un passaggio della motivazione - della impressionante serie di non ricordo, oltre 120, con cui si è risposto a larghissima parte dei chiarimenti richiesti dai difensori degli imputati da lui accusati". La sentenza arriva alla conclusione di ritenere "fondato il sospetto che le sue dichiarazioni siano state condizionate dalla paura di essere coinvolto lui nella vicenda e dalla costante preoccupazione di tutelare i genitori, nella convinzione, invero fondata, di essersi ormai conquistato la fiducia degli inquirenti, accettando per tal via anche di accusare soggetti come Nomanhulaq Nomanhulaq e Ikram Ijaz, di cui aveva professato prima l'innocenza"

TiscaliNews   
I più recenti
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Infanzia, Unicef-Anci insieme per campagna 'Diritti in comune'
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Perseguita Angelina Mango e la madre, arrestato 49enne
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Torna in libreria Sin City, la leggendaria saga di Frank Miller
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...