"Mai tanta violenza contro di noi": scontri tra manifestanti e polizia durante la visita di Salvini a Napoli

Il vicepremier e ministro dell'Interno accolto da un clima teso, fra striscioni con scritto "Vedi Napoli e poi muori" e proteste. Ha anche risposto alle critiche di Di Maio

Un momento degli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine (Ansa)
Un momento degli scontri tra manifestanti e forze dell'ordine (Ansa)
TiscaliNews

Scontri tra forze dell'ordine e manifestanti all'ingresso di piazza del Plebiscito, a Napoli, nei pressi del palazzo della Prefettura dov'è in corso il comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal ministro Salvini. La polizia ha effettuato una carica per allontanare i manifestanti che hanno lanciato delle transenne e dei fumogeni contro i poliziotti. La situazione torna lentamente alla normalità, un agente è rimasto ferito alla testa negli scontri.  I manifestanti hanno continuato a stazionare attorno alla Prefettura dopo aver abbandonato Piazza Plebiscito.

"Mai tanta violenza contro di noi"

Nel suo intervento pubblico a Napoli, il ministro dell'Interno e vicepremier leghista ha detto: "Nei miei confronti e del movimento che ho l'onore di rappresentare c'è in corso un attacco che non eguali negli ultimi 20 anni" commentando l'inchiesta della magistratura contabile sull'uso dei voli di Stato. Quanto alle elezioni regionali in Piemonte, Salvini ha detto che "il voto alla Lega è un voto per le infrastrutture, per la Tav, per il futuro, mentre in 5 Stelle vogliono un ritorno al passato. Utilizzeremo i voti per trasformare in si, i tanti no". Ha anche risposto alle critiche di Di Maio con una frecciata, ricordando che non è certo lui ad essere andato in Francia a incontrare i gilet gialli. E ha aggiunto: "Se il M5S non la smette con gli insulti saranno gli italiani a farli smettere". Durante la visita di Salvini nel capoluogo campano sono stati esposti striscioni con scritto "Questa Lega è una vergogna", che riecheggiava un celebre verso cantato da Pino Daniele, e il più duro "Vedi Napoli e poi muori".