Sagre: è festa grande a Monteleone Sabino, Campagnola Emilia e Mogliano Veneto

Bruschette, carni suine e radicchio rosso. E’ questo il “menù” settimanale proposto dalle sagre lungo lo Stivale, in tre suggestivi borghi del Lazio, dell’Emilia-Romagna e del Veneto

Sagre: è festa grande a Monteleone Sabino, Campagnola Emilia e Mogliano Veneto
di www.fuoriporta.org

Bruschette, carni suine e radicchio rosso. E’ questo il “menù” settimanale proposto dalle sagre lungo lo Stivale, in tre suggestivi borghi del Lazio, dell’Emilia-Romagna e del Veneto. A partire dalla provincia di Rieti, dove un filone di pane lungo 20 metri è pronto a sfilare tra case arroccate, vie ciottolose in salita e piazzette ben curate: a Monteleone Sabino, d’altronde, amano fare le cose in grande quando c’è da far conoscere al grande pubblico il proprio olio extravergine di oliva, che si ottiene ancora con la lavorazione a freddo e con la cura maniacale di una volta.

La Sagra della Bruschetta

Una delizia da assaggiare il 16 dicembre alla Sagra della Bruschetta: nella centralissima piazza XXIV Aprile 1944 - interamente coperta per l’occasione per garantire lo svolgimento della festa anche in caso di maltempo – si partirà alle ore 10 con l’apertura degli stand gastronomici e la vendita di prodotti tipici; si proseguirà alle 12.30 con il pranzo a base di ricette della tradizione, alle 14.30 con la sfilata del filone di pane da record e alle 15 con il suo arrivo in piazza e la degustazione gratuita della bruschetta. Con il divertente sottofondo degli spettacoli musicali e folcloristici dal vivo, Monteleone Sabino - un tempo Trebula Mutuesca – tornerà ad accogliere i visitatori con la sua semplicità, la stessa che fin dall’Alto Medioevo affascina tutti coloro che vi giungono; e sin dalle 10 del mattino sarà possibile visitare il Museo Archeologico, gli scavi archeologici e il Santuario di Santa Vittoria.

La 18esima edizione de “Il Cicciolo d'Oro"

Sempre il 16 dicembre, oltre 150 paioli cominceranno a fumare in piazza a Campagnola Emilia e daranno il via alla 18esima edizione de “Il Cicciolo d'Oro”, la festa che esalta la norcineria tradizionale Romagnola. Saporiti ciccioli, profumata coppa di testa, prosciutti, salsicce, guanciale con polenta sono alcune delle delizie che attendono le buone forchette nel paese in provincia di Reggio Emilia: in tavola saranno servite solo carni suine lavorate e preparate da esperti norcini, custodi degli usi e costumi tipici della Bassa Padana. Tra i momenti più attesi della manifestazione spiccano il doppio Supercicciolo da Guinness (con due forme da 180 kg di ciccioli che saranno offerti ai partecipanti), il pranzo con lo Street Food del Norcino e “la salsiccia corre in piazza”, con ben 400 metri di salsiccia.

La “Mostra del radicchio rosso”

Spegnerà infine 34 candeline la “Mostra del radicchio rosso”, che il 15 e il 16 dicembreanimerà il centro di Mogliano Veneto in onore del prodotto più famoso del territorio. I festeggiamenti prenderanno il via con l’aperitivo con cicchetti a base di radicchio nei bar del centro storico, proseguiranno con la cena a tema “A cena con il Rosso” e con le degustazioni di risotto e frittata al radicchio. Tra Treviso e Castelfranco si estende una verde campagna puntellata da importanti segni lasciati dalla storia e dall’arte, lungo l’alto corso del fiume Sile: la mostra rappresenta una buona occasione anche per andare alla scoperta di questo territorio unico.