Tiscali.it
SEGUICI

[Esclusiva] Ecatombe Rigopiano, l'sms che inguaia la Provincia. "Ci sono due turbine disponibili". Ma nessuno chiama per mandarle all'hotel

I carabinieri forestali acquisiscono messaggino inviato da un operaio al dirigente del settore viabilità. I mezzi dell’Anas erano in servizio a 12 chilometri da Farindola

di Giuseppe Caporale   
[Esclusiva] Ecatombe Rigopiano, l'sms che inguaia la Provincia. 'Ci sono due turbine disponibili...

Due ore e mezza prima della tragedia dell’hotel Rigopiano di Farindola, a pochi chilometri di distanza da lì, c’erano due turbine disponibili che avrebbero potuto salvare la vita alle 29 vittime bloccate nell’albergo e poi travolte della valanga. Si tratta di due mezzi dell’Anas che erano in servizio nella zona di Penne. E la Provincia di Pescara - che insieme alla Prefettura e alla Regione Abruzzo aveva ricevuto alle 13.40 il messaggio d’aiuto del direttore dell’albergo - ne era pienamente a conoscenza.

L'sms inviato da un operaio al dirigente del settore viabilità

Lo dimostra un sms che ora è agli atti del filone d’inchiesta sull’omissione di soccorso, disastro colposo e omicidio colposo plurimo portata avanti dalla Procura di Pescara. Un messaggino partito dal telefonino di un operaio della Provincia e inviato ad un dirigente del settore viabilità dello stesso ente. “Ci sono due turbine disponibili dell’Anas a Penne”, questo il testo del messaggio. Il dipendente in questione ha già messo a verbale la circostanza e ricostruito la vicenda davanti ai carabinieri forestali che indagano a tutto campo sul disastro.

Non fu solo un problema di taglio dei fondi

E c’è di più, una delle due turbine è rimasta per alcune ore “in pausa” fino a quando poi non è scattato il tam tam sul disastro avvenuto. Quindi secondo le prime ricostruzioni degli investigatori non ci fu - come in un primo momento asserito dai vertici dell’ente Provincia - solo un problema economico, di taglio dei fondi, a provocare i disservizi nei ritardi dei soccorsi.

La mala gestione nella scelta delle priorità degli interventi

Ma una vera e propria “mala gestio” dei mezzi a disposizione e di scelte della catena di comando che doveva individuare e decidere le priorità degli interventi. Appare evidente, che fino al momento della tragedia i messaggi inviati dalla direzione dell’hotel bloccato dalla neve, non sono apparsi di primaria importanza, nonostante quella fosse notoriamente (almeno per le autorità) una zona a rischio valanghe. Con tanto di bollettino diramato due giorni prima dal servizio Meteomont inviato alla Prefettura, alla Provincia e poi girato anche al Comune di Farindola. Ora la magistratura andrà avanti con gli interrogatori. Ed è molto probabile che nelle prossime ore gli inquirenti predispongano anche il sequestro di quel che rimane dell’hotel per effettuare tutte le verifiche necessarie sulla struttura.

di Giuseppe Caporale   
I più recenti
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...