Tiscali.it
SEGUICI

Riconosciuta l'adozione speciale, 'ora siamo entrambe mamme'

di Ansa   
Riconosciuta l'adozione speciale, 'ora siamo entrambe mamme'

(ANSA) - BOLOGNA, 22 APR - "Dopo anni di lotte, di battaglie legali e sofferenze, sono finalmente mamma della nostra piccola di tre anni e mezzo. Quando l'ho saputo sono scoppiata a piangere per la felicità". Così, intervistata dalla Gazzetta di Reggio Emilia, Samantha Campani, 51 anni, sposata con la consigliera Pd di Reggio Emilia Fabiana Montanari, 32 anni. Dopo un lungo procedimento giuridico Samantha ha ottenuto l'adozione speciale della bimba di tre anni e mezzo, data alla luce da Fabiana. "Sono diventata mamma tre volte: la prima quando è nata, la seconda quando il sindaco Luca Vecchi ha firmato l'atto di riconoscimento genitoriale, nel dicembre 2020.

La terza con l'accoglimento, pochi giorni fa, dell'adozione speciale", spiega Samantha. "Poche settimane dopo il riconoscimento genitoriale datomi dal sindaco, nel dicembre 2020, il giorno dell'Epifania del 2021 ci è arrivata la comunicazione del tribunale con cui ci dicevano che avremmo dovuto ritirare una lettera... La Procura aveva impugnato il nostro caso, negando il mio diritto di essere madre". "Il primo grado di giudizio non è andato bene. Piuttosto che ricorrere in appello, abbiamo deciso di intraprendere la strada dell'adozione speciale. Si tratta di un istituto giuridico che si applica anche per le coppie eterosessuali per adottare i figli del partner. La nostra tipologia è un'adozione speciale in casi particolari". "Tramite la nostra avvocata abbiamo presentato richiesta di adozione al tribunale dei minori di Bologna. Abbiamo dovuto fare più incontri in cui si sono svolti colloqui con le assistenti sociali e la psicologa infantile". "Sono seguiti dei colloqui con il giudice onorario, il quale fa un'ulteriore relazione e vi è un ulteriore momento di confronto del tribunale dei minori a livello collegiale". Poi l'arrivo della buona notizia con una Pec, a un anno dalla richiesta di adozione. Ora, aggiunge, "non ho più bisogno di deleghe per andare all'ospedale o viaggiare con la bimba, ad esempio". (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

'Torino sa da che parte stare', corteo pro Palestina in città
'Torino sa da che parte stare', corteo pro Palestina in città
Ex vigilessa uccisa, il Gip dispone il carcere per l'indagato
Ex vigilessa uccisa, il Gip dispone il carcere per l'indagato
Mobilitazione No Ponte, 'costi enormi che pagherà il territorio'
Mobilitazione No Ponte, 'costi enormi che pagherà il territorio'
Teleborsa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...