Tiscali.it
SEGUICI

Giorno della laurea senza Giulia, cresce l'ansia delle famiglie. Ricostruito l'itinerario tra Friuli e Veneto

Grazie all'odierna riattivazione di alcuni dispositivi elettronici del Piancavallo (Pordenone) che erano in manutenzione - ma che avevano in memoria i dati dei veicoli in transito - è stato ricostruito l'intero itinerario percorso, nella notte tra sabato e domenica, dalla Fiat Punto nera

di Michele Galvan   
Giulia Cecchettin e Filippo Turetta (dal web)
Giulia Cecchettin e Filippo Turetta

Un'altra giornata snervante, di vana attesa per la famiglia di Giulia Cecchettin e per quella dell'ex fidanzato Filippo Turetta. Il quinto giorno dalla scomparsa dei due ragazzi, e di loro ancora non vi sono tracce. Sono senza risposte tutte le domande sul perchè della sparizione dei due ex fidanzati, compagni di studio all'università di Padova.

Era giunto un nuovo allarme: una segnalazione ha portato a cercare la Fiat Punto nera di Filippo - vista con certezza l'ultima volta domenica mattina, alle 9.07, tra Cortina e Dobbiaco - nella zona delle Dolomiti di Sesto, in alta Val Pusteria. Una zona conosciuta da Turetta, appassionato di montagna, che in passato aveva soggiornato nella vicina Val Fiscalina. Anche qui però le ricerche condotte da vigili del fuoco, soccorso alpino e Guardia di finanza non hanno portato a niente, e sono state sospese. Sulle strade forestali della zona non è stata trovata alcuna auto come quella di Turetta.

Il giorno della laurea

Ma questa è stata una giornata segnata emotivamente dalla proclamazione delle lauree alle quali doveva partecipare anche Giulia Cecchettin. Doveva essere una delle prime ad essere chiamata nell'aula del Dipartimento di Ingegneria dell'informazione (Dei) di via Gradenigo, a Padova. Il suo nome è stato naturalmente stato tolto dall'elenco dei laureandi. Tra i compagni di corso l'aria era mesta: "Certo - ha detto una ragazza - tutti pensiamo a Giulia e alla sua vicenda. Cerchiamo di non farci venire brutti pensieri, e speriamo che lei e Filippo ritornino".

Al termine della sessione, il presidente della commissione di laurea in Ingegneria biomedica, Stefano Tomasin, ha dedicato "un pensiero particolare a Giulia, scomparsa da alcuni giorni e che avrebbe dovuto oggi sostenere l'esame finale. La comunità dei docenti e del personale del Dipartimento si unisce a quella degli studenti, nell'augurio di avere presto lei tra i nostri neolaureati, e di vedere anche Filippo raggiungere questol traguardo".

La famiglia spera

Intanto, nella villetta dei Cecchettin, a Vigonovo, Elena, la sorella di Giulia, aveva comunque appeso alla cancellata tre nastri rossi, simbolo della festa che non si è potuta svolgere. Un gesto che conferma la volontà della famiglia di non darsi per vinta, continuando a pensare - a dispetto di 5 giorni privi di notizie - che Giulia possa tornare. Un sentimento che l'avvocato dei Cecchettin, Stefano Tigani, ha spiegato così: il papà e la sorella "hanno la convinzione che Giulia sia trattenuta contro la sua volontà, perché mai si sarebbe allontanata da casa di sua iniziativa, senza dire nulla". Anche se non vi sono elementi investigativi a supportare questa tesi, Giulia "non può essere scappata da sola, per una fuga di qualsiasi tipo. È trattenuta contro la sua volontà".

Le ricerche in Austria

Il grande dispiegamento di forze sul campo - centinaia di persone stanno partecipando alle perlustrazioni tra vigili del fuoco, carabinieri, protezione civile e soccorso alpino - rende evidente che nulla verrà lasciato di intentato per trovare i due ragazzi. Anche se, ci si chiede: per quanti giorni potrà restare in movimento - ammesso che lo sia ancora - la Fiat Punto di Filippo? E come si può restare invisibili a decine di squadre di ricerca che battono palmo a palmo, strade, fiumi, e vie di uscita, fino al confine con l'Austria? "Per questo - ha sottolineato l'avvocato Tigani - auspichiamo che arrivino finalmente risultati concreti".

Il padre di Filippo: "Mio figlio non è un mostro"

Davanti la casa dei Cecchettin c'è ormai un 'plotone' fisso di fotografi, giornalisti, operatori delle tv. Ogni tanto la scena sussulta, perchè arriva qualche nuova segnalazione. Come quella di questa sera: la scoperta di alcuni brandelli di tessuto sull'argine del fiume Muson dei Sassi, a Santa Maria di Sala (Venezia). La notizia vola di cellulare in cellulare, fino al responso degli investigatori: "negativo, non è stato trovato nulla di rilevante".

Infine ci sono quelle macchie di sangue - le tracce sono ancora visibili - repertate domenica mattina nella zona industriale di Fossò, vicino da Vigonovo, dove la Fiat Punto nera di Tuertta è passata di certo, perchè un cella telefonica aveva agganciato sabato notte il cellulare del ragazzo. Lì sono puntate esattamente le telecamere di sicurezza di uno stabilimento. Ma nessuno sa ancora cosa hanno visto.

Ricostruito l'itinerario tra Fvg e Veneto

Grazie all'odierna riattivazione di alcuni dispositivi elettronici del Piancavallo (Pordenone) che erano in manutenzione - ma che avevano in memoria i dati dei veicoli in transito - è stato ricostruito l'intero itinerario percorso, nella notte tra sabato e domenica, dalla Fiat Punto nera su cui si trovavano i due ragazzi veneti scomparsi. L'ingresso in territorio friulano è avvenuto dalla zona di confine con il Veneto, a Caneva. Pochi minuti dopo, il passaggio dell'utilitaria è stato registrato dai dispositivi di lettura targhe di Polcenigo. 

Il veicolo - si è appreso oggi - ha proseguito fino ad Aviano, per risalire agli oltre mille metri della stazione turistica del Piancavallo. Da lì, seguendo una strada secondaria - e poco conosciuta, la direttrice tramite Montereale Valcellina, la più consigliata dai navigatori satellitari - l'auto è scesa a Barcis, percorrendo l'arteria lungolago e poi transitando lungo l'intera Valcellina, passando per Claut e Cimolais. L'ultima registrazione è quella in uscita dalle gallerie del Vajont, tra Erto e Casso e Longarone (Belluno). Quest'ultima è una zona particolarmente impervia caratterizzata da orridi di notevole altezza. Da quelle località la Punto è tornata in Veneto per proseguire nel Bellunese.

di Michele Galvan   
I più recenti
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
Rinvenuto cadavere in mare, potrebbe essere l'uomo disperso
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
E' morto Max Leitner, il re delle evasioni altoatesino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Giornalista aggredito, Joly al presidio in suo sostegno a Torino
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Taghi Rahmani, sono la voce delle donne iraniane incarcerate
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...