Caso Consip, in cinque a processo, rinviati a giudizio anche Lotti e Del Sette

Prosciolti dalle accuse l'ex maggiore del Noe Giampaolo Scafarto e e il colonnello dell'Arma, Alessandro Sessa

Caso Consip, in cinque a processo,  rinviati a giudizio anche Lotti e Del Sette
TiscaliNews

ll gup di Roma ha rinviato a giudizio cinque persone nell'ambito dell'indagine sul caso Consip. A processo, tra gli altri, l'ex ministro Luca Lotti per favoreggiamento e l'ex comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette per rivelazione del segreto di ufficio. Prosciolto dalle accuse l'ex maggiore del Noe Giampaolo Scafarto.

Il processo

Il processo inizierà il prossimo 15 gennaio. A processo andranno anche l'imprenditore Carlo Russo per millantato credito, Filippo Vannoni per favoreggiamento e il generale dei carabinieri Emanuele Saltalamaccia per favoreggiamento. Scafarto, oggi prosciolto, era accusato di rivelazione del segreto, falso e depistaggio. Accusa, quest'ultima, caduta anche per il colonnello dell'Arma, Alessandro Sessa anch'egli prosciolto. Il procedimento è legato al filone di indagine relativo alla fuga di notizie sul fascicolo che era stato avviato dai pm di Napoli sul maxiappalto Consip.

Procura impugnerà proscioglimento Scafarto

La Procura di Roma impugnerà alla Corte d'Appello la sentenza con cui il gup di Roma, Clementina Forleo, ha prosciolto dalle accuse l'ex maggiore del Noe, Gian Paolo Scafarto, e il colonnello dell'Arma, Alessandro Sessa. E' quanto si apprende da fonti giudiziarie.

Marcucci: "Lotti dimostrerà sua innocenza"

"Sono certo che Luca Lotti dimostrerà la sua estraneità ai fatti e la sua innocenza nel processo. Mi auguro che la logica del mostro da sbattere in prima pagina sia combattuta con sempre maggiore durezza dal sistema giudiziario." Lo afferma il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci.