Ancora caldo africano con picchi di oltre 40°C. Oggi 13 città da bollino rosso, giovedì sono 22

L'anticiclone manterrà tempo stabile e caldo intenso non sono da escludere picchi massimi oltre i 43/44°C nelle zone interne della Sardegna e della Sicilia. Al Nord qualche passaggio temporalesco anche forte

Le previsioni meteo
Le previsioni (Foto 3BMeteo)
TiscaliNews

Italia ancora nella morsa dell’'anticiclone africano che caratterizzerà anche l'inizio della nuova settimana. Le temperature saranno molto elevate con caldo e afa in ulteriore intensificazione rispetto alla domenica, le colonnine di mercurio potranno anche toccare punte record superando la soglia dei 40°C. L'afa e il caldo estremo attanagliano  le principali città italiane,  13 città sono da bollio rosso da oggi fino al 30 giugno ovvero: Cagliari, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Napoli, Palermo, Perugia, Reggio Calabria, Rieti e Roma. A queste, nella giornata di domani, 29 giugno, si andranno ad aggiungere anche Ancona Bari, Bologna, Catania, Pescara e Viterbo per un totale di 19. Non sono da escludere picchi massimi oltre i 43/44°C nelle zone interne della Sardegna e della Sicilia che potrebbero segnare dei record per la fine di Giugno.

Giovedì 22 città da bollino rosso

Il 30 giugno, alle precedenti città con bollino rosso si andranno ad aggiungere Trieste, Venezia e Verona. Bolzano, Genova e Torino sono le uniche 3 città che manterranno il bollino giallo nei tre giorni considerati. Il resto dell'Italia invece resta stretta nella morsa di un caldo torrido e crescente. Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione. Queste condizioni climatiche, ricorda il Ministero della Salute, possono rappresentare un rischio per la salute della popolazione, soprattutto dei soggetti vulnerabili, come anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza.

Afa alle stelle

Il caldo torrido (asciutto) ha le ore contate, una massa d'aria un po meno rovente ma molto umida lo sostituirà a breve e allora le condizioni climatiche cambieranno assumendo caratteri fortemente afosi già da stasera ma soprattutto da mercoledì. Poco scampo insomma e refrigerio solo minimo e temporaneo su una piccola parte d'Italia. 

Break temporaleschi al Nord

Andrà monitorato però il vortice da giorni stazionario in prossimità delle isole Britanniche che arriverà sul Nord Italia e sarà responsabile di rovesci e temporali localmente anche forti, ma non sufficienti a risolvere la situazione di grave deficit pluviometrico che da mesi mette a dura prova soprattutto le regioni settentrionali. E si tratterà solo di una breve parentesi, poiché già da metà settimana l'anticiclone tornerà a rinforzare ripristinando condizioni di stabilità con clima molto caldo.

Previsioni mercoledì

Ancora a tratti instabile su Alpi e Prealpi con qualche rovescio o temporale soprattutto dal pomeriggio e localmente fin sulle alte pianure orientali, un po' di variabilità inoltre su entroterra ligure e Appennino tosco-emiliano con alcuni rovesci diurni. Condizioni più stabili sul resto delle regioni settentrionali, così come sul resto d'Italia, dove prevarrà il sole. Temperature in diminuzione al Centro-Nord e Sardegna, senza variazioni di rilievo al Sud.

Giovedì caldo al Sud e temporali al Nord

Un po' di variabilità giovedì 30 e soprattutto venerdì 1 luglio tra Alpi e alta Val Padana con altri rovesci e temporali intermittenti. Tempo stabile e in prevalenza soleggiato sul resto d'Italia con temperature che torneranno gradualmente a salire anche al Nord. Possibile stabilizzazione anche sulle zone alpine entro il weekend.