Tiscali.it
SEGUICI

25 aprile sotto acquazzoni e temporali, ma poi arriva la primavera. Ecco dove

Giovedì ancora a tratti instabile, specie nelle ore diurne. Venerdì fronte atlantico in avvicinamento al Nordovest che richiamerà correnti molti miti, persino calde nord africane

TiscaliNews   
Le previsioni meteo
Le previsioni (Foto 3BMeteo)

La prima parte del ponte della Liberazione sarà a caratterizzata da condizioni instabili su diverse regioni, ma il weekend che lo concluderà sarà invece molto diverso. In linea generale già da giovedì si assisterà ad una certa attenuazione dell'instabilità rispetto ai giorni precedenti, con le temperature che cominceranno a guadagnare qualche grado nei valori massimi al Centro-Nord, ma si avrà ancora la possibilità di qualche spruzzata di neve in Appennino a quote relativamente basse se confrontate al periodo in corso. Un'ulteriore riduzione dell'afflusso artico è attesa per la giornata di venerdì con temperature in generale ripresa, ma si assisterà ad un graduale deterioramento del tempo a partire dal Nordovest, per l'avvicinamento di un fronte di origine atlantica. 

Venerdì, tempo ancora instabile

Al Nord nubi sparse si alterneranno a schiarite anche ampie, salvo maggiori addensamenti su Friuli VG, alto Veneto e Appennino emiliano, associati a qualche rovescio più frequente dal pomeriggio, in locale sconfinamento alla via Emilia. Un po' di neve sull'Appennino oltre i 1100m. Al Centro nubi sparse e schiarite al mattino salvo addensamenti sull'alta Toscana. In giornata aumento dell'instabilità sulle zone interne con rovesci sparsi anche temporaleschi e localmente accompagnati da grandine, in locale sconfinamento alla costa adriatica ma in esaurimento in serata. Limite neve sui 1400/1600m. Al Sud mattinata abbastanza soleggiata, salvo addensamenti e qualche pioggia su Calabria tirrenica e Messinese. Al pomeriggio annuvolamenti e qualche pioggia o rovescio sulle tirreniche peninsulari e sulle zone interne in genere, in locale sconfinamento alla costa pugliese centro-settentrionale ma in esaurimento in serata. Limite neve sui 1300/1500m. In Sardegna variabilità al mattino con qualche pioggia sul versante occidentale, poi miglioramento. Temperature in lieve aumento al Centro-Nord.

Nel weekend si riaffaccia la primavera

Nel weekend lo sbilanciamento della saccatura atlantica sull'Europa occidentale richiamerà sul bacino centrale del Mediterraneo correnti molti miti, persino calde nord africane a prevalente curvatura anticiclonica. In sostanza ritorna l'anticiclone africano anche se la sua risalita verso l'Italia si affiancherà alle correnti umide e cicloniche che potrebbero portare delle situazioni di instabilità in alcune regioni d’Italia. La zona più esposta al rischio di temporali, anche intensi sarà il Nordovest ma sono in bilico anche i settori alpini e prealpini del resto del Nord e forse una parte del Centro, questo soprattutto nella giornata del 27 mentre per domenica 28 sembra che il rischio sia solo per il Piemonte occidentale e la Valle d'Aosta. In realtà è tutto molto sul filo nel senso anche piccole oscillazioni verso est o verso ovest della saccatura potrebbero comportare scenari diversi per il Nord, mentre in linea di massima per il Centro e il Sud salvo qualche possibile insidia per la Toscana la situazione dovrebbe essere libera da grosse incertezze. Per quanto riguarda le temperature è lecito aspettarsi un considerevole aumento sia delle massime che delle minime con un ritorno rapidamente sopra media nell'arco dei due giorni. Al momento le massime stimate per domenica sono per punte fino a 26/27°C. Restate aggiornati

TiscaliNews   
I più recenti
Truffa all'Ue con falsa concessione area Sigonella, 5 indagati
Truffa all'Ue con falsa concessione area Sigonella, 5 indagati
Difesa, al via 'African Lion' con militari di 20 nazioni
Difesa, al via 'African Lion' con militari di 20 nazioni
Traffico droga dalla Germania in Sicilia, 15 arresti del Ros
Traffico droga dalla Germania in Sicilia, 15 arresti del Ros
Scossa terremoto di magnitudo 3.4 nella zona Campi Flegrei
Scossa terremoto di magnitudo 3.4 nella zona Campi Flegrei
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...