In arrivo pioggia e temperature in calo, ma a metà settimana il bel tempo si prende la rivincita

Da giovedì grasso e fin oltre martedì grasso (25 febbraio) un grande anticiclone dal cuore caldo conquisterà l’Italia

In arrivo pioggia e temperature in calo, ma a metà settimana il bel tempo si prende la rivincita
TiscaliNews

L’inverno ancora non c’è. Nonostante sia atteso un peggioramento delle condizioni meteo, con calo delle temperature fino alla media del periodo che possano far pensare all’arrivo della stagione fredda questa fase di maltempo durerà davvero poco. A partire dalla seconda parte di mercoledì, spiega il meteorologo Carlo Migliore di 3bmeteo.com, sono attesi piogge e rovesci, anche a carattere temporalesco, che interesseranno le regioni centrali, in particolare Umbria, Abruzzo e Lazio, lambendo Toscana e Romagna. (Guarda il Meteo)

Inizio settimana con il maltempo

Il fronte si dirigerà poi velocemente verso il Sud della Penisola portando rovesci e temporali su Molise, Puglia, Campania e basso Tirreno. In una prima fase la neve cadrà solo quote medio alte in Appennino, intorno 1400-1500m ma la quota sarà in progressivo calo. Le temperature saranno in generale diminuzione e si porteranno in linea con le medie stagionali Ma poi tutto cambia. Da giovedì grasso, poi venerdì, nel weekend e fin oltre martedì grasso (25 febbraio) un grande anticiclone dal cuore caldo conquisterà l’Italia.

Torna caldo e sole

La situazione migliorerà nell'ultima parte della settimana e le temperature tenderanno di nuovo ad aumentare sull'Italia. Intanto in Europa, spiegano sempre gli esperti di Meteo.it, è stato un weekend da temperature record. In questo periodo di tempo il bel tempo sarà prevalente, il sole il protagonista assoluto e le temperature subiranno un importante aumento fino ad andare sopra la media di ben 10°C. Nel corso del weekend scoppierà la primavera con valori diurni vicini ai 20°C su gran parte d’Italia.

Caldo in Europa

Le massime hanno raggiunto i 28,9 gradi a Oloron, in Francia, i 20 gradi in Germania, mentre in Svezia sono stati registrati 10 gradi in più. In Spagna, poi, le minime a Bilbao non sono scese sotto i 17,6 gradi e in Austria si sono registrati ben 7,2 gradi in più della media calcolata tra il 1981 ed il 2010, con una temperatura massima media nazionale di 13,5 gradi.

La tempesta Dennis

Ed è ancora emergenza alluvioni in Gran Bretagna per la tempesta Dennis, con raffiche che superano i 150km/h. Sono due finora le vittime che si sommano alle otto provocate da Ciara, l'altra tempesta atlantica che ha interessato l'Europa all'inizio della settimana. Piogge e rovesci sono ancora molto intensi nel sud dell'Inghilterra, specialmente in Galles.