Tiscali.it
SEGUICI

Taglio liste d'attesa nella Sanità: cosa prevede il piano e quando diventerà operativo

Dl in Gazzetta, ora bisognerà attendere l'iter per la conversione in legge e per i decreti attuativi. Le prime misure arriveranno in autunno

TiscaliNews   
medico
Foto Ansa

Anche se il Piano anti-liste d'attesa, voluto dal ministro della Salute Orazio Schillaci, ha ottenuto il via libera dal Consiglio dei ministri, tuttavia perchè si traduca in benefici concreti i cittadini dovranno ancora attendere. Se i tempi tecnici verranno rispettati, le prime misure dovrebbero infatti diventare operative entro l'autunno ma sulla tempistica esatta non c'è, al momento, certezza.

Il piano anti-liste attesa 

La svolta per contrastare la piaga delle liste di attesa, principale problema per i cittadini ed il Servizio sanitario nazionale, è delineata in 22 articoli suddivisi tra due provvedimenti: un decreto legge che prevede 7 norme ed un disegno di legge di 15 articoli, per il quale i tempi richiesti si allungano. Per rispondere alla domanda sul quando le nuove misure saranno effettivamente operative - a partire dal Cup unico regionale, la disponibilità di visite ed esami anche il sabato e la domenica ed il ricorso a intramoenia e privati con modalità precise per avere tempi certi per le prestazioni - bisogna considerare una prima data, ovvero la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del dl avvenuta lo scorso 7 giugno.

Le prime misure arriveranno in autunno

"È bene precisare - sottolinea il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta - che il dl sulle liste di attesa, pubblicato in Gazzetta il 7 giugno, dovrà essere convertito in legge entro il prossimo 6 agosto, e cioè entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta". Una volta avvenuta la conversione in legge, per la piena attuazione delle norme dovranno essere però adottati almeno sette decreti attuativi del ministero della Salute, di cui, precisa Cartabellotta, "alcuni in concerto con altri dicasteri o istituzioni". E i tempi per la loro adozione sono definiti dal testo del dl (30 o 60 giorni) solo per alcuni decreti attuativi, mentre per altri, rileva, "non sono nemmeno indicati". Di conseguenza, l'adozione di questi provvedimenti non sarà dunque immediata. "Né - avverte il presidente Gimbe - saranno rapidamente visibili i benefici per i cittadini, visto che molte delle misure introdotte dal dl richiederanno tempi tecnici di realizzazione medio-lunghi. E servirà, in ogni caso, una stretta collaborazione con Regioni e Aziende sanitarie per evitare che questo decreto rimanga disatteso". Insomma, l'odissea di tanti pazienti per poter ottenere una visita o un esame in tempi appropriati è destinata a prolungarsi almeno di qualche mese, nell'ipotesi migliore.

Iter decreti attuativi

In particolare, rileva Gimbe, sono solo due gli articoli del dl che prevedono una tempistica precisa per l'emanazione dei decreti attuativi. Il primo è l'articolo 1 che sancisce l'istituzione della Piattaforma nazionale delle liste di attesa presso l'Agenas. Si specifica infatti che "entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, con decreto del ministro della Salute sono adottate specifiche linee guida per definire i criteri di realizzazione, di funzionamento e di interoperabilità tra la Piattaforma nazionale e le piattaforme regionali". Le linee guida per rendere operativa la Piattaforma dovrebbero quindi arrivare entro gli inizi di ottobre.

L'altro articolo del dl che prevede una tempistica è l'articolo 6 su 'Ulteriori misure per il potenziamento dell'offerta assistenziale e il rafforzamento dei Dipartimenti di salute mentale'. In questo caso è indicato che "entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del dl" venga definito un "piano d'azione finalizzato al rafforzamento della capacità di erogazione dei servizi sanitari e all'incremento dell'utilizzo dei servizi sanitari e sociosanitari sul territorio". Per il resto delle misure, i tempi restano un'incognita. 

 

TiscaliNews   
I più recenti
Naufragio barca con a bordo 007, comandante vuole patteggiare
Naufragio barca con a bordo 007, comandante vuole patteggiare
Witten, dei buchi neri affascina l'ignoto in modo irreversibile
Witten, dei buchi neri affascina l'ignoto in modo irreversibile
Uccise moglie e figlia nel Varesotto, ergastolo definitivo
Uccise moglie e figlia nel Varesotto, ergastolo definitivo
Clima, Simone Ficicchia(Ultima Generazione) :Fogli di via illegittimi, continua la nostra lotta
Clima, Simone Ficicchia(Ultima Generazione) :Fogli di via illegittimi, continua la nostra lotta
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...