Tiscali.it
SEGUICI

Pg Catania, 'uccise sorella per onore, confermare ergastolo

di Ansa   
Pg Catania, 'uccise sorella per onore, confermare ergastolo

(ANSA) - CATANIA, 19 FEB - La Procura generale di Catania ha chiesto, in appello, la conferma della condanna all'ergastolo di Alessandro Alleruzzo, figlio dello storico capomafia deceduto di Paternò, Giuseppe, per l'omicidio della sorella Nunziatina, assassinata con due colpi di pistola nel 1995. La sentenza di primo grado è stata emessa il 14 novembre 2022 dalla Corte d'assise etnea. L'omicidio, secondo l'accusa, sostenuta in aula dalla pg Giovannella Scaminaci, sarebbe stato commesso perché la vittima tradiva il marito con esponenti del suo clan e di uno rivale. Il collegio di difesa, con gli Giovanni Spada e Roberto D'Amelio, ha respinto tutte le contestazioni e ha chiesto l'assoluzione dell'imputato, presente in aula.

La Corte d'assise d'appello ha aggiornato l'udienza per eventuali repliche e la camera di consiglio per il prossimo 24 aprile. La donna era scomparsa di casa il 30 maggio 1995. Quel giorno il figlio di cinque anni disse di avere visto la madre uscire di casa con suo zio Alessandro. Secondo un pentito lo stesso Alleruzzo gli avrebbe "raccontato di aver ucciso la propria sorella per riscattare l'onore della famiglia". I resti della donna furono trovati il 25 marzo 1998 da carabinieri della compagnia di Paternò dopo due telefonate anonime. Per l'omicidio della sorella, Alessandro Alleruzzo, 50 anni, era stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare eseguita da militari dell'Arma il 4 giugno del 2021. Ad alcuni compagni di prigione, quando era detenuto, aveva confidato che aveva sparato due colpi di pistola in testa a 'Nunziatina' e di averne poi "trascinato il corpo e di averlo buttato in un pozzo" per "riscattare l'onore della famiglia". A permettere di ricostruire dinamica e movente del 'cold case' mafioso sono state l'inchiesta della Dda di Catania e le indagini dei militari dell'Arma della compagnia di Paternò dopo le rivelazioni di tre collaboratori di giustizia. Alessandro Alleruzzo è il figlio del defunto boss Giuseppe che negli anni '70 e '80 guidava il gruppo di Paterno' di Cosa nostra, al centro di sanguinose faide mafiose, legato alla 'famiglia' Santapaola di Catania. (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

A Milano lo show di 7 ambientalisti contro i '7 pagliacci'
A Milano lo show di 7 ambientalisti contro i '7 pagliacci'
Papa: viviamo in un tempo di drammatica denatalità
Papa: viviamo in un tempo di drammatica denatalità
Papa: viviamo in un tempo di drammatica denatalità -2-
Papa: viviamo in un tempo di drammatica denatalità -2-
Fermati quattro presunti scafisti dopo sbarco a Reggio Calabria
Fermati quattro presunti scafisti dopo sbarco a Reggio Calabria

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...