L'anticiclone dura poco: perturbazione Atlantica in arrivo. Tornano pioggia e neve. Il meteo

Il tempo comincerà a rovinarsi al Nord e sulle regioni tirreniche, per la disposizione delle correnti dai quadranti sudoccidentali. Si tratterà dei primi segnali di un progressivo cambiamento

di TiscaliNews/3bMeteo

Il ritorno dell'anticiclone sul Mediterraneo centrale e l'Italia non sarà assolutamente duraturo e già a metà della settimana il tempo comincerà a rovinarsi al Nord e sulle regioni tirreniche, per la disposizione delle correnti dai quadranti sudoccidentali. Si tratterà dei primi segnali di un progressivo cambiamento, innescato dall'avanzata del flusso perturbato atlantico che gradualmente smantellerà l'anticiclone, raggiungendo lo Stivale con una serie di perturbazioni che, seppur a fasi alterne, ci accompagneranno fino alla fine della settimana. Ma vediamo nel dettaglio cosa accadrà fino a venerdì:

Mercoledì le prime avvisaglie con cielo nuvoloso al Nord e su gran parte delle regioni tirreniche con deboli piogge sparse anche su Lazio e Campania. Neve in arrivo prima sull'Appennino Toscano oltre i 1100m ma poi anche lungo l'arco alpino tra alto Piemonte e Lombardia già dai 300/600m di quota. Permangono condizioni più soleggiate sulle regioni adriatiche, al Sud e in Sardegna con cieli generalmente poco nuvolosi. Temperature in ulteriore lieve aumento e venti in ulteriore rinforzo da sud-sudovest.

Giovedì la perturbazione atlantica raggiungerà l'Italia provocando un ulteriore deterioramento del tempo al Nord e al Centro, specie tirreniche, con piogge sparse e fenomeni che risulteranno più frequenti su Liguria e a ridosso dell'arco alpino, più sporadiche sulla Val Padana dove tenderanno ad organizzarsi verso sera a nord del Po. L'aria fredda che graverà nei bassi strati della Val Padana favorirà anche nevicate a quote basse o collinari (300/600m). Nubi e piogge interesseranno contemporaneamente ovest Sardegna e regioni tirreniche centro-settentrionali, specie in serata quando si estenderanno a tutta la Campania. Quota neve sull'Appennino centro-settentrionale sui 1300/1500m. 

Venerdì temporanea attenuazione dei fenomeni al Nord, mentre l'instabilità proseguirà sul versante tirrenico, ovest Sardegna e Liguria con piogge e rovesci anche intensi in serata. Sempre verso sera fenomeni in generale intensificazione al Nord con neve sulle Alpi dai 1000/1200m. Nuvoloso ma asciutto su ioniche e adriatiche, ma con tendenza a qualche pioggia in arrivo tra Marche e Abruzzo. Neve sull'Appennino centro-settentrionale dai 1500/1700m. Venti forti da sudovest con possibili mareggiate sulle coste esposte.