Tiscali.it
SEGUICI

Omicidio di Sofia Castelli, l'ex fidanzato condannato a 24 anni. Familiari in lacrime: "Non è giustizia"

Zakaria Atqaoui, 23 anni, condannato oggi a 24 anni di carcere dalla Corte D'Assise di Monza. Alla lettura della sentenza i genitori di Sofia si sono abbracciati e hanno pianto.

TiscaliNews   
Sofia Castelli e Zakaria Atqaoui (Ansa)
Sofia Castelli e Zakaria Atqaoui (Ansa)

Sofia Castelli aveva 20 anni e voleva vivere libera, voleva tornare padrona del suo tempo e delle sue amicizie, ma le è stato impedito. A fermarla sono state le otto coltellate che le ha inferto il 29 luglio scorso il suo ex fidanzato Zakaria Atqaoui, 23 anni, condannato oggi a 24 anni di carcere dalla Corte D'Assise di Monza. Alla lettura della sentenza i genitori di Sofia, papà Diego e mamma Daniela che vivevano con Sofia a Cinisello Balsamo, nel milanese, si sono abbracciati e hanno pianto. Una sentenza che, secondo loro, non fa giustizia. Alle loro spalle gli amici di Sofia, anche loro arrabbiati e delusi.

La Procura di Monza aveva chiesto l'ergastolo, contestando all'omicida le aggravanti della premeditazione, dei futili motivi e dell'uso del mezzo insidioso, ed è probabile che ricorrerà in Appello. La Corte ha però ritenuto prevalenti le attenuati generiche, decisione che verrà motivata entro i 90 giorni a disposizione.

Aveva chiesto "scusa per disagio causato"

Atquaoui ha lasciato l'aula appena terminata la lettura della sentenza, mentre durante la precedente udienza aveva "chiesto scusa per il disagio causato". A "disagio" Sofia Castelli ha vissuto per settimane, a partire dalla scorsa primavera, quando aveva deciso di lasciare il 23enne. Accolto in casa Castelli "come un figlio", per stessa ammissione dei genitori della ragazza, Zakaria non tollerava che Sofia avesse una vita all'infuori di lui. Ad un certo punto lei ha scelto sé stessa, la libertà e ha detto basta. Lui però ha continuato a fare pressioni, a controllarla, a chiedere di lei agli amici comuni, a sorvegliarla sui social media.

Aveva sottratto le chiavi

Con la scusa di un saluto, un gesto distensivo, il giorno precedente il delitto era andato a trovarla a casa sua e le aveva sottratto un mazzo di chiavi di scorta, sapendo bene dove Daniele Castelli era solito lasciarle. La sera del 29 luglio scorso, Sofia è uscita insieme alla sua migliore amica, Aurora Fiameni, per trascorrere una spensierata serata in discoteca.
Atqaoui, per sua stessa ammissione, ha seguito la ex attraverso le stories pubblicate sui social media, mentre la aspettava in casa sua, nascosto in un armadio della camera da letto.

Sofia e Aurora sono rientrate all'alba, dopo aver ballato, parlato, riso e organizzato le future vacanze in Sicilia. Poi hanno deciso di dormire in due stanze diverse perché la prima avrebbe dovuto alzarsi dopo poche ore. Quando Sofia si è addormentata, l'ex fidanzato è uscito fuori dall'armadio e l'ha accoltellata a morte.

"E' una vergogna"

"Hai ucciso una ragazza a coltellate mentre dormiva e hai avuto soltanto 24 anni: è una vergogna. Hai distrutto famiglie e rovinato vite, ma tra 24 anni sarai fuori, mentre Sofia non tornerà più - ha scritto Aurora Fiameni in un post su Instagram, a seguito della sentenza - è surreale, questa è l'Italia, questa non è giustizia". Per gli avvocati dei Castelli, Gabriele Maria Vitiello e Giuseppe Policastro, si è trattato di una "sentenza severa ma ingiusta", della quale attendono le motivazioni, auspicando il ricorso in Appello da parte del pm di Monza Emma Gambardella, titolare del fascicolo di inchiesta.

"Una condanna a 24 anni, con il riconoscimento delle attenuanti generiche prevalenti sulle aggravanti - ha detto l'avvocato Vanier Burani, difensore di Atquoi - resta pur sempre una condanna a 24 anni. Comprendiamo il dolore di chi voleva bene alla ragazza, ma noi abbiamo sempre sostenuto non fosse un delitto premeditato". Di Sofia resta il suo ultimo selfie con l'amica, e quell'alba passata insieme pensando che sarebbe stato l'inizio di una nuova vita.

TiscaliNews   
I più recenti
Strage Georgofili, commemorate a Firenze vittime dell'attentato
Strage Georgofili, commemorate a Firenze vittime dell'attentato
Giani: No all'Autonomia differenziata, si' all'Autonomia equa e solidale
Giani: No all'Autonomia differenziata, si' all'Autonomia equa e solidale
Gualtieri, 'ormai connubio vincente tra Roma e il Giro'
Gualtieri, 'ormai connubio vincente tra Roma e il Giro'
Fugatti: Modello Governo Autonomie regionali visto come punto di riferimento
Fugatti: Modello Governo Autonomie regionali visto come punto di riferimento
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...