Tiscali.it
SEGUICI

Omicidio shock a Pescara, Ucciso un 17enne, fermati due minorenni figli di un avvocato e di un carabinere

Gli inquirenti parlano di situazione delicata. Il delitto sarebbe maturato nell'ambito del piccolo spaccio e sarebbe avvenuto con una coltellata

TiscaliNews   
Thomas Christopher Luciani
Thomas Christopher Luciani (Foto Ansa)

Sono stati arrestati i presunti responsabili dell'omicidio di Thomas Luciani, il 17enne trovato morto domenica sera, tra le sterpaglie, nel parco Baden Powell nel centro di Pescara. I presunti assassini, due liceali, secondo quanto trapelato fino ad ora, sono uno il figlio di un avvocato, l'altro figlio di un maresciallo comandante di una stazione locale di un Comune della provincia di Pescara. Dopo il delitto sarebbero andati a fare il bagno al mare. Lì, presumibilmente, si sarebbero disfatti del coltello utilizzato. Abbandonato tra le sterpaglie, il corpo del ragazzo è stato trovato solo in tarda serata. 

Le indagini

Gli inquirenti parlano di situazione delicata. Il delitto sarebbe maturato nell'ambito del piccolo spaccio e sarebbe avvenuto con una coltellata - si pensa ad un coltello da sub viste le ferite inferte - nel tardo pomeriggio di domenica sera in una zona centrale della città. Per recuperare l'arma sono al lavoro i sommozzatori dei Vigili del Fuoco. Intanto vanno avanti gli accertamenti della squadra Mobile della Questura di Pescara. Sul posto, nel parco Baden Powell, sono intervenuti anche gli agenti della squadra Volante, la polizia scientifica, il 118, il procuratore capo Giuseppe Bellelli, e il medico legale Cristian D'Ovidio. Per tutta la notte, in Questura sono state ascoltate persone potenzialmente informate sui fatti e testimoni. Fondamentali anche le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti nella zona antistante il parco e in prossimità di uno stabilimento balneare dove tutti i componenti del gruppo sono andati dopo il crimine.

Dai due nessun pentimento

I due ragazzi fermati per l'omicidio del Parco Baden Powell non avrebbero tradito emozioni durante il primo interrogatorio: al momento non ci sono state reazioni particolari, in sostanza c'è stata assenza di empatia emotiva o pentimento, questo al momento, nei prossimi giorni si vedrà se a determinare questo stato è lo choc e ci saranno cambiamenti emotivi.

25 coltellate

I due, probabilmente, facevano parte di un gruppo di sette o otto persone. La vittima, stando alle prime informazioni, sarebbe stata raggiunta da circa 25 coltellate. I due avrebbero continuato a colpirlo anche quando il giovane era già esanime a terra. All'origine dei fatti, un debito di droga di poche centinaia di euro: forse 200 o 250. Non è chiaro, al momento, se i due minorenni siano entrati in azione con l'intento di uccidere o se si sia trattato di una lite finita male. 

La dinamica

Il gruppetto di ragazzi - il contesto in cui è maturato il delitto è quello del piccolo spaccio di droga - ha raggiunto il parco. Poi due di loro sono entrati e hanno incontrato il 17enne. Raggiunta una zona non sorvegliata, lo hanno colpito ripetutamente con un coltello. Dopo averlo abbandonato tra le sterpaglie si sono allontanati. Il gruppo, poi, è andato al mare, in uno stabilimento balneare del centro, e ha fatto il bagno. Lì, stando alle testimonianze raccolte, sarebbe stato abbandonato il coltello. L'arma, al momento, non è stata trovata e vanno avanti le ricerche dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco 

L'allarme

Secondo quanto appreso, a lanciare l'allarme sull'omicidio diThomas Luciani, alcune ore dopo i fatti, è stato uno dei giovani che facevano parte del gruppo insieme ai due indagati, dopo aver compreso la gravità dell'accaduto. A quel punto, il rinvenimento del cadavere e l'avvio delle indagini, che in poche ore hanno consentito di individuare i presunti responsabili.

Le immagini delle telecamere

Determinante, nel lavoro certosino condotto dagli investigatori, oltre alla testimonianza anche la visione delle immagini delle telecamere di sorveglianza presenti al parco e allo stabilimento balneare.  "La drammatica vicenda, fin dalle prime battute - si legge in una nota della Questura di Pescara - ha evidenziato un incredibile disagio giovanile, una sorprendente carenza di empatia emotiva ed una palese incapacità di comprendere l'estremo disvalore delle azioni commesse. Questi atteggiamenti disfunzionali meritano ampio approfondimento, al pari della necessaria ricostruzione delle dinamiche e responsabilità". 

La vittima scappata dalla comunità

Thomas Luciani era fuggito venerdì scorso dalla comunità di Isernia dove era su disposizione dei giudici a seguito di una piccola condanna per piccoli reati. Il ragazzo ucciso ieri sera era stato quindi qualche giorno allo sbando. Nel programma rieducativo doveva frequentare un laboratorio per parrucchieri a Campobasso.
Secondo quanto si è appreso negli ultimi due anni il ragazzo aveva dato qualche problema anche ai servizi sociali di Rosciano, il paese del pescarese dove viveva dall'età di tre anni con la nonna dopo essere stato abbandonato dai genitori.

TiscaliNews   
I più recenti
Addio alla 'staffetta partigiana' Giacomina Castagnetti
Addio alla 'staffetta partigiana' Giacomina Castagnetti
Eurofighter intercettano aereo civile, atterrato a Foligno
Eurofighter intercettano aereo civile, atterrato a Foligno
Annega a 36 anni nel fiume Bruna nel Grossetano
Annega a 36 anni nel fiume Bruna nel Grossetano
Ventenne in moto muore a Bari in incidente stradale
Ventenne in moto muore a Bari in incidente stradale
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...