Tiscali.it
SEGUICI

Omicidio nella fonderia: Giacomo Bozzoli condannato all'ergastolo. I carabinieri vanno ad arrestarlo ma la casa è vuota

Sentenza definitiva per il nipote dell'imprenditore Mario Bozzoli, il cui corpo sparì nell'altoforno l'8 ottobre del 2015. I militari fanno scattare subito le ricerche del fuggitivo

TiscaliNews   
Giacomo Bozzoli durante il processo (Ansa)
Giacomo Bozzoli durante il processo (Ansa)

I giudici della Corte di Cassazione non hanno dubbi: a uccidere l'imprenditore Mario Bozzoli, facendo poi sparire il corpo nell'alto forno della fonderia di famiglia, è stato il nipote Giacomo. Sentenza all'ergastolo definitiva, a seguito della quale i carabinieri si sono presentati nella sua casa sul Lago di Garda per trarlo in arresto. Ma ciò che hanno scoperto è che il 39enne nel frattempo si era reso irreperibile. Le ricerche sono scattate subito, ma dell'omicida nessuna traccia.

L'omicidio dell'imprenditore, all'epoca cinquantenne, titolare della fonderia di Marcheno, in provincia di Brescia, è avvenuto l'8 ottobre 2015. Il nipote Giacomo, per nove anni è rimasto libero, in attesa della pronuncia della sentenza definitiva.

La lunga vicenda giudiziaria

I giudici della prima sezione penale di piazza Cavour oggi hanno rigettato il ricorso proposto dai legali dell'imputato contro la sentenza della Corte d'Assise di appello di Brescia del 17 novembre 2023. La sentenza impugnata aveva confermato la sentenza della Corte d'Assise del 30 settembre 2022, che aveva condannato Bozzoli alla pena dell'ergastolo con l'isolamento diurno per un anno. Insomma tutti gli indizi e le prove raccolte dagli inquirenti vengono considerate dai diversi giudici che si sono avvicendati nei vari procedimenti convincenti al punto da portare semrpe alla stessa conclusione: a uccidere Mario è stato il nipote Giacomo. Inizialmente erano stati indagati anche il fratello Alex e due operai della fonderia, Abu Akwasi e Oscar Maggi. Ma a processo ci finisce solo il condannato.

Nella casa sul lago di Garda, Bozzoli vive con la compagna e un figlio, nato da pochi mesi ai tempi dell'omicidio dello zio. Tra le alternative concesse dalla giustizia, c'era la possibilità di attendere la notifica della sentenza in casa e quindi presentarsi in carcere di sua spontanea volontà. L'uomo non ha infatti seguito l'udienza a Roma dove invece era presente il padre Adelio, il quale ha spiegato che il figlio era in attesa nella sua abitazione. Ma quando i carabinieri si sono presentati, la casa era completamente vuota. 

TiscaliNews   
I più recenti
Favoreggiamento dell'immigrazione, fermati due scafisti
Favoreggiamento dell'immigrazione, fermati due scafisti
Braccianti ridotti in schiavitù, maxi sequestro a due caporali
Braccianti ridotti in schiavitù, maxi sequestro a due caporali
Bozzoli sotto shock, trasferito al carcere di Bollate. Ai pm dice: sono innocente, un testimone...
Bozzoli sotto shock, trasferito al carcere di Bollate. Ai pm dice: sono innocente, un testimone...
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Maltempo: forti temporali nell'Alessandrino, alberi abbattuti
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...