Tiscali.it
SEGUICI

[L'inchiesta] I risultati sconvolgenti della nuova inchiesta di Fanpage. Lo scandalo giova solo a Berlusconi: chi c'è dietro il giornale on line?

Filone sullo stoccaggio dei carburanti e i sospetti sulla camorra. Ma chi paga i giornalisti, i computer e le telecamere di ultima generazione? Come pensano di fare profitti stando sul web? Domande legittime alle quali nelle prossime ore Fanpage risponderà. Per non subire attacchi ingiustificati

Guido Ruotolodi Guido Ruotolo, editorialista   
[L'inchiesta] I risultati sconvolgenti della nuova inchiesta di Fanpage. Lo scandalo giova solo a...

E’ il terzo filone della inchiesta Fanpage quello che prometterebbe risultati sconvolgenti. Ma è ancora sepolto da centinaia di ore di colloqui, incontri, registrazioni di conversazioni. Riguarda la gestione di impianti di stoccaggio di carburanti nel Nord Est, a Marghera, e il sospetto è che l’affare porti soldi nelle casse della camorra. 

È il capitolo che coinvolge l’Eni e i pozzi di carburanti in Egitto. In assenza di un oleodotto, il carburante è destinato a impianti di stoccaggio e l’inchiesta di Fanpage si sarebbe imbattuta, appunto, in aspetti tutti da chiarire sui possibili gestori di suoli dove stoccare il prodotto. 

Ecco, l’inchiesta Fanpage è un pozzo senza fondo che lascia tutti senza fiato. Le stesse reazioni dei personaggi coinvolti sono deboli e fragili. Mostrano tutta la loro fragilità anche le urla sconsiderate di ieri del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che in questa vicenda vede uno dei suoi rampolli coinvolto, l’assessore al bilancio del comune di Salerno, Roberto De Luca, indagato per corruzione.

Che impotenza rivela De Luca quando a sera caccia da una sua manifestazione a Caserta Antonio Musella, giornalista Fanpage: «Via, qui solo persone civili. Fuori la camorra». Come se accusare di essere camorrista un giornalista risolva il problema del figlio. 

«È un attacco camorristico e squadrista in risposta all’opera di pulizia che stiamo portando avanti». Come se la nomina a presidente della Sma, la partecipata regionale che si occupa di smaltimento di fanghi e delle terre dei fuochi, Biagio Iacolare, non rappresentasse il suggello dell’accordo tra De Luca e il vecchio sistema di potere in Campania rappresentato da Nicola Cosentino e Luigi Cesaro. 

Urla De Luca mentre il figlio ha spedito le sue dimissioni che sono state congelate, perché la famiglia spera in una rapida archiviazione magari prima del voto. Ma la Procura di Napoli deve procedere alla trascrizione di centinaia di ore di colloqui. E non è questione di giorni. E poi sono in piena attività le indagini, e andranno raccolte testimonianze, e convocati interrogatori. 

Due filoni centrali quelli all’attenzione degli investigatori in queste ore (del filone nascosto, quello dello stoccaggio di carburanti ci vorrà Tempo). Gli appalti Sma, quelli che vedono coinvolto il candidato di Fratelli d’Italia Luciano Passariello, e forse il vicepresidente della Regione, Fulvio Bonavitacola (non ancora indagato). E il capitolo ecoballe i cui protagonisti sono il figlio del Governatore, Roberto De Luca, e il suo commercialista, l’ex candidato a sindaco di Angri Coletta. 

Camorrista è per De Luca l’inchiesta giornalistica di Fanpage. La testata  On-Line ha utilizzato come teste d’ariete delle sue provocazioni un ex pentito della camorra, Nunzio Perrella. Un consulente che si è impegnato a dimostrare in pratica come si costruisce il business dei traffici illegali di rifiuti. E lo ha  documentato con i video. 

Alla fine questo è accaduto: “Volete vedere come si fa?”. Ora se Fanpage fosse la sezione reati ambientali della polizia di Stato sarebbe del tutto lecito discutere se l’utilizzo dell’agente provocatore doveva essere ritenuto appropriato. La legge è molto chiara e limita il loro utilizzo solo per alcuni reati.

Ma qui abbiamo un camorrista che ha saldato i conti con la giustizia, che non risulta frequentare di nuovo la camorra e che si presta a essere maestro di pratiche criminali. 

Fanpage da tempo fa inchieste sul ciclo dei rifiuti e voleva andare avanti su questa china. Ha utilizzato un ex camorrista (i grandi moralisti non disdegnano di frequentare o intervistare evasori fiscali, corruttori, riciclatori che sono colletti bianchi, politici. E nessuno obietta nulla). La Procura di Napoli ha ravvisato in questo comportamento l’istigazione  alla corruzione. Vediamo se il direttore di Fanpage sarà processato e condannato. 

E poi l’altro sospetto che proprio si sta trasformando in un giallo che prima o dopo invaderà le vetrine dei giornali e dei talk show, è un interrogativo: «I grillini erano sulla graticola per i rimborsi elettorali e le spese parlamentari e questa operazione mira a colpire il Pd di Renzi. A chi giova tutto questo se non a Silvio Berlusconi?». 

Ne consegue: «Chi c’è dietro a Fanpage, un giornale On-line con decine di giornalisti assunti, computer e telecamere di ultima generazione? Chi li paga? Come pensano di fare profitti stando sul web?».

Domande legittime alle quali nelle prossime ore Fanpage risponderà, dimostrando ancora una volta di voler giocare d’anticipo. Per non subire attacchi ingiustificati.

Guido Ruotolodi Guido Ruotolo, editorialista   
I più recenti
Eurofighter intercettano aereo civile, atterrato a Foligno
Eurofighter intercettano aereo civile, atterrato a Foligno
Annega a 36 anni nel fiume Bruna nel Grossetano
Annega a 36 anni nel fiume Bruna nel Grossetano
Ventenne in moto muore a Bari in incidente stradale
Ventenne in moto muore a Bari in incidente stradale
Infastidito dalla musica imbraccia fucile contro giovani movida
Infastidito dalla musica imbraccia fucile contro giovani movida
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...