Maltempo, due morti. Stato d'emergenza in Piemonte. Allerta per l'arrivo di un vortice nel Mediterraneo

E' vivo il rappresentante che si stava recando in un golf club. Due i dispersi. Il Seveso vicino all'esondazione. Sotto osservazione anche il Lambro. Allerta è arancione nel levante e nel ponente ligure. Disattivare l'Adblock per vedere il video

TiscaliNews

Sono due le vittime di questa ondata di maltempo che ha colpito il Piemonte e la Liguria. Hanno perso la vita un tassista Fabrizio Torre che era partito da Genova per portare un cliente nella zona di Serravalle, ed è stato travolto dal fiume. L'altra vittima è un anziano che è uscito doi strada dopo avere perso il controllo della sua vettura a causa dell'asfalto viscido. Ingenti i danni in Piemonte, Liguria e Lombardia dove si registrano frane e allagamenti. Strade e scuole chiuse in molte zone, disagi alla circolazione ferroviaria. Il livello del Po è salito di 3 metri e mezzo in 24 ore. Il presidente del Piemonte, Cirio, ha chiesto lo stato d'emergenza

"C'è acqua dappertutto"

Sono le ultime parole di Fabrizio Torre, il car driver di 52 anni morto travolto da un'onda di acqua e fango a Capriata d'Orba, nell'Alessandrino. L'uomo era partito dall'aeroporto di Genova con un passeggero straniero, che avrebbe dovuto accompagnare al Golf Club Villa Carolina, ma nei pressi del resort l'auto è stata bloccata dall'acqua. L'ultima telefonata ai titolari del'azienda per cui lavorava, la Regiardo&Speroni. "Gli abbiamo chiesto di mettersi in salvo - dicono - poi il nulla...". "Lavorava con noi da cinque o sei anni - riferisce Marta Regiardo, una delle titolari dell'azienda di noleggio auto con conducente. "Era una persona pacata, ma determinata, un professionista di cui ci fidavamo.

 

Ricoverato il passeggero

Lo straniero, un cittadino inglese, è in prognosi riservata. Arrivato in forte stato di ipotermia, i medici stanno valutando i parametri vitali dell'uomo, che si è salvato aggrappandosi ad alcuni alberi. "Sentivamo delle voci chiedere aiuto, ma nel buio i soccorritori hanno avuto non poche difficoltà", spiega Angelo Regiardo, che con la figlia Marta è titolare dell'azienda di auto a noleggio con conducente Regiardo&Speroni. Non riuscendo più a mettersi in contatto con il suo autista, trovato questa mattina morto nei campi, l'uomo si è precipitato a Capriata d'Orba, nella zona di Villa Carolina, dove i due erano diretti. Sono tutte salve le persone che risultavano disperse. 

 

Stato di emergenza 

Il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, si è recato nella regione Piemonte per seguire la situazione presso la Prefettura di Alessandria. "Abbiamo potuto constatare come il sistema della Protezione Civile abbia reagito al meglio ed ora la situazione va migliorando, e adesso si tratta di rimuovere il fango e i detriti che sono stati portati dalle piogge intense", ha detto Borrelli al termine di un vertice al quale ha partecipato anche il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. "Chiederemo lo stato di emergenza", ha affermato Cirio, 

Vortice in arrivo nel Mediterraneo

“Nei prossimi giorni il Mediterraneo occidentale sarà bersaglio di un insidioso vortice ciclonico che porterà condizioni di maltempo anche severo su Spagna e parte della Francia, dove non si escludono locali situazioni alluvionali” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – “la perturbazione ad esso collegata raggiungerà anche l’Italia entro giovedì, portando piogge e temporali su diverse regioni, anche di forte intensità”.

Le Regioni in allerta 

“Mercoledì primi segnali del nuovo peggioramento con rovesci e temporali attesi a fine giornata su Sardegna e tra Ponente Ligure e Piemonte occidentale” – prosegue Ferrara  – “altrove sole prevalente salvo nebbie o nubi basse su Valpadana e lungo le coste adriatiche soprattutto al mattino e di nuovo dalla sera. Sarà tuttavia giovedì che il maltempo entrerà nel vivo con piogge e rovesci diffusi ancora una volta al Nordovest, in successiva estensione alle centrali tirreniche e alla Sicilia entro fine giornata. Proprio sull’Isola saranno possibili fenomeni anche intensi a carattere di nubifragio, così come su Lazio, Toscana e purtroppo ancora una volta sulla Liguria; ai margini invece il Nordest e il medio versante Adriatico con precipitazioni al più sporadiche. Venerdì invece rovesci e temporali anche forti si concentreranno soprattutto su Sardegna e Sicilia, coinvolgendo solo marginalmente il Sud peninsulare e in particolare la bassa Calabria. Altrove tempo più asciutto tra sole, nubi basse e locali nebbie. Il tutto verrà accompagnato da venti anche sostenuti al Centrosud, in genere di Ostro o Scirocco, salvo che sulla Sardegna dove subentrerà il Maestrale, con mari molto mossi o agitati” .