Tiscali.it
SEGUICI

Multe e cartelle inviate su Pec in digitale da luglio: perché rischiamo di pagare tutti di più

Una misura di modernizzazone che velocizza le notifiche e impatta positivamente sull'ambiente, nasconde insidie dirette al nostro portafogli

di Francesco Carbone/Ansa/TiscaliNews   
Multe in formato digitale: da chi notifica alla nostra pec mail in un attimo (Ansa)
Multe in formato digitale: da chi notifica alla nostra pec mail in un attimo (Ansa)

Addio file agli sportelli postali e attese infinite negli uffici pubblici. A partire dallo scorso 6 luglio è entrato nel vivo l'Indice Nazionale dei Domicili Digitali (Inad), un nuovo servizio che consentirà ai cittadini iscritti di ricevere comunicazioni dalla Pubblica Amministrazione direttamente sulla propria Pec. Come spiega il sito dell'Agenzia per l'Italia digitale "tutti potranno consultare l'Indice attraverso l'area pubblica del sito e le P.a che devono inviare comunicazioni aventi valore legale al cittadino utilizzeranno l'indirizzo di posta elettronica certificato registrato sull'indice. L'iscrizione è facoltativa e chi non ha indicato la propria pec continuerà, invece, a ricevere le comunicazioni in forma cartacea".

Chi risparmia

"Grazie a Inad le comunicazioni della Pubblica Amministrazione, come i rimborsi fiscali, le detrazioni d'imposta, gli accertamenti, i verbali di sanzioni amministrative e così via, vengono inviate in tempo reale, senza ritardi o problemi relativi al mancato recapito, direttamente nella casella di posta indicata dal cittadino. Ciò comporta significativi risparmi derivanti dalla riduzione dell'uso della carta e dall'eliminazione dei costi di spedizione. Inoltre, grazie all'accesso immediato alla documentazione, il cittadino non ha bisogno di recuperare fisicamente i documenti quando non è presente a casa".

Quali sono i costi che salgono

Una novità accolta con favore dai consumatori, che da un lato ricordano come siano già 14,4 milioni gli italiani dotati di Pec, dall'altro lanciano l'allarme su possibili aumenti dei costi a carico dei cittadini. "Con tale nuovo servizio si possono abbattere le spese postali a carico dei cittadini, consentendo risparmi alla collettività, ma occorre vigilare sull'operato di società ed enti locali - spiega il Codacons - La nascita di Inad farà salire il numero di cittadini che decideranno di dotarsi di Pec, e il pericolo è che le società che forniscono servizi di posta elettronica certificata, a seguito dell'aumento della domanda, possano aumentare i costi richiesti ai propri clienti per l'attivazione delle caselle.

La possibile aggravante: più costi di accertamento dai Comuni

L'altro rischio è che i Comuni, non potendo contare sugli introiti derivanti dalle "spese postali" addebitate ai cittadini per l'invio di una sanzione stradale tramite posta tradizionale, aumentino tutti gli altri costi di accertamento, come peraltro rilevato dall'Antitrust lo scorso anno". E infatti dopo la richiesta di chiarimenti avanzata nel 2022 dal presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sui consumatori, Simone Baldelli, l'Autorità evidenziò come "Sulle spese di accertamento delle multe stradali non esistono attualmente criteri oggettivi di quantificazione fissati dal legislatore e ogni ente locale agisce secondo la sua piena discrezionalità, spesso perpetrando evidenti abusi". L'Antitrust rilevò ad esempio che quando la notifica delle multe stradali avviene via Pec, e quindi si azzerano le "Spese di notifica" fisse a carico dei cittadini, alcuni comuni aumentano in modo considerevole i costi di accertamento, che possono raggiungere i 15 euro a sanzione.

Unico beneficiario certo: l'ambiente

In ogni caso "la dematerializzazione degli atti inviati dagli enti locali ai cittadini, a partire dalle multe stradali, ha un impatto enorme sull'ambiente e sulla spesa pubblica". Lo afferma la Società Italiana di medicina ambientale (Sima). "Secondo alcune ricerche, se ciascuno degli oltre 3 milioni di dipendenti pubblici impiegati in Italia evitasse di consumare 500 fogli all'anno, il consumo di carta si ridurrebbe di 8.142 tonnellate, equivalenti a 122mila alberi salvati ogni anno, oltre 3,5 miliardi di litri di acqua risparmiata, e un abbattimento del consumo energetico nazionale pari a 62 milioni di Kwh", spiega il presidente Sima, Alessandro Miani.

di Francesco Carbone/Ansa/TiscaliNews   

I più recenti

A Milano in centinaia a corteo a 2 anni da invasione Ucraina
A Milano in centinaia a corteo a 2 anni da invasione Ucraina
Vannacci, sono molto sereno,parlerò nelle sedi opportune
Vannacci, sono molto sereno,parlerò nelle sedi opportune
'Vannacci abbattuto, ma determinato a difendersi'
'Vannacci abbattuto, ma determinato a difendersi'
Trovato il corpo di una decima vittima dell'incendio a Valencia
Trovato il corpo di una decima vittima dell'incendio a Valencia

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...