E' morto l'ex presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi

Già governatore della Banca d'Italia, ministro dell'Economia e presidente del Consiglio, aveva 96 anni. Portò l'Italia nell'euro

TiscaliNews

È morto Carlo Azeglio Ciampi. Presidente emerito della Repubblica, Ciampi aveva 95 anni. Era nato a Livorno nel 1920 ed è stato il decimo presidente della Repubblica dal 1999 al 2006. In precedenza fu governatore della Banca d’Italia per 14 anni, presidente del Consiglio e più volte ministro. Il presidente emerito era ricoverato da alcuni giorni nella Clinica Pio XI di Roma, dopo un peggioramento delle sue condizioni di salute. Lo ha precisato il professore Andrea Platania, primario di Medicina interna, che lo aveva in cura. "Sono con la famiglia - ha affermato Platania - che in questo momento chiede riservatezza". Ciampi era laureato in Filosofia e ha ricoperto tutte le cariche più alte dello Stato e del governo.

Da molti analisti è considerato l'uomo che "ha restituito l'orgoglio al Paese", per aver condotto una politica economica, attraverso la gestione della Banca d'Italia durante una delicata fase di transizione, poi attraverso il ministero del Tesoro e il governo negli anni della nascita della moneta unica. Infine nel corso del suo settennato al Quirinale, quale garante istituzionale. 

L'elezione a Capo dello Stato

Ciampi fu eletto al Quirinale il 13 maggio 1999. Record assoluto di velocità: solo 2 ore e 40 minuti per far partire il settennato dell'ex Governatore della Banca d'Italia. Un solo scrutinio (prese 707 voti su 990 votanti). Sulla sua candidatura fu preso un accordo trasversale tra Walter Veltroni, Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi.

Ministro del Tesoro e premier, avviò le privatizzazioni

Come presidente del Consiglio (aprile 1993 - maggio 1994),Ciampi dà l'avvio alla privatizzazione di numerose imprese pubbliche, ampliando e puntualizzando il quadro di riferimento normativo e realizzando le prime operazioni di dismissione (tra cui quelle, nel settore bancario, del Credito italiano, della Banca commerciale italiana, dell'Imi, dell'Enel e dell'Iri, presidente Romano Prodi). Come Ministro del Tesoro e del Bilancio del governo Prodi e del governo D’Alema, Ciampi ha dato un contributo determinante al raggiungimento dei parametri previsti dal Trattato di Maastricht, permettendo così la partecipazione dell’Italia alla moneta unica europea, sin dalla sua creazione. Gli ultimi anni, invece, li ha passati da senatore a vita e attento osservatore delle vicende italiane e internazionali. In particolare, in un'intervista alla Stampa del 2011, notò "il decadimento morale, sia nell’etica individuale che nell’etica istituzionale. Si dimentica la frase di Vincenzo Cuoco: 'Alla felicità degli uomini sono più necessari gli ordini - noi diremmo le istituzioni - che gli uomini'".

Renzi: ha servito con passione l'Italia

"L'abbraccio del Governo alla signora Franca. E un pensiero grato all'uomo delle Istituzioni che ha servito con passione l'Italia". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dopo aver appreso la notizia della morte del Presidente emerito.