Nicola torna a casa. Anche il fratellino si allontanò. I punti oscuri da chiarire sulla scomparsa

La Procura fiorentina, diretta dal procuratore capo Giuseppe Creazzo, ha aperto un fascicolo al momento senza indagati e senza indicazione di reato. Ai dubbi dovranno rispondere in primo luogo Leonardo Tanturli, padre, e Pina, madre di Nicola

Nicola torna a casa. Anche il fratellino si allontanò. I punti oscuri da chiarire sulla scomparsa
Foto Ansa
TiscaliNews

Nicola è tornato a casa. Trascorse le 24 ore necessarie per l'osservazione, le sue condizioni sono apparse buone ed è stato quindi dimesso intorno. Nicola è così tornato nella sua casa, un vecchio casolare contadino nelle campagne circondate dai boschi a 800 metri di altezza in località Molino di Campanara. Ad attenderlo il padre Leonardo e il fratellino Giulio di 4 anni. "Il piccolo ha trascorso una notte tranquilla in uno dei letti dedicati all'osservazione breve all'interno del pronto soccorso dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze", si legge nel nuovo bollettino medico appena diffuso questa mattina. "Nicola ha riposato insieme alla mamma", ha precisato l'ospedale.

Anche il fratellino si allontanò

L'episodio è stato riferito da un abitante di un casolare a circa 2 km da quello della famiglia di Nicola, che si trovò il fratello nella sua proprietà. Da quanto emerso anche il fratello del piccolo si sarebbe allontanato da casa e avrebbe percorso a piedi, di giorno, una distanza notevole considerata la tenera età. Il vicino lo avvicinò e avvisò i genitori. L'episodio, come si apprende, si risolse subito senza necessità di attivare un piano di soccorso come è dovuto succedere per Nicola. Intanto i carabinieri della compagnia di Borgo San Lorenzo hanno inviato tutti gli atti della vicenda alla procura di Firenze che, fin dal giorno della scomparsa, ha aperto un fascicolo conoscitivo al momento senza ipotesi di reato.

I punti da chiarire

Perché se il bimbo scomparso nel Mugello era stato messo a letto indossava i sandali al momento del suo ritrovamento? Com'è possibile che abbia potuto percorrere da solo 4 o 5 km? Perché i cani molecolari che sono passati nella zona del burrone non hanno fiutato la presenza del piccolo? A chi appartengono le tracce di sangue trovate vicino alla porta di ingresso del casolare? E soprattutto perché i genitori hanno aspettato almeno nove ore prima di dare l'allarme e far scattare le ricerche? Sono molti i punti oscuri della vicenda di Nicola Tanturli, il piccolo di 21 mesi, ritrovato stamani, intorno alle 9, al fondo di una scarpata, con un dislivello di 25 metri, in un bosco della zona del comune di Palazzuolo sul Senio (Firenze), nell'appennino dell'Alto Mugello.

L'inchiesta

La Procura fiorentina, diretta dal procuratore capo Giuseppe Creazzo, ha aperto un fascicolo al momento senza indagati e senza indicazione di reato. Ai dubbi dovranno rispondere in primo luogo Leonardo Tanturli, padre, e Pina, madre di Nicola, i genitori che hanno anche un altro figlio di quattro anni. Saranno nelle sentiti nelle prossime ore o forse domani, "perché oggi è un giorno di festa", si fa notare da parte degli inquirenti.

Le indagini

Per i carabinieri il bimbo di neanche 2 anni si sarebbe allontanato da solo dal casolare, vagando per i boschi nei pressi della casa, per circa 30 ore. Sarebbero escluse altre ipotesi da parte degli investigatori dell'Arma. Comunque, i militari della compagnia di Borgo San Lorenzo (Firenze), competente territorialmente, agli ordini del comandante, il maggiore Michele Arturo, sta indagando in tutte le direzioni e sta vagliando ogni elemento utile. "Stiamo facendo i primi accertamenti sulla dinamica dell'accaduto e riferiremo il tutto alla magistratura", ha confermato il maggiore Michele Arturo. "La valutazione sul comportamento dei genitori al temine delle indagini sarà naturalmente riferita in Procura al termine d i tutti gli accertamenti, ora è prematura ogni conclusione".

Cosa rischiano i genitori

Per evitare l'accusa di abbandono di minore, che potrebbe essere il reato ipotizzabile nei loro confronti, i genitori dovranno chiarire con precisione le circostanze e il modo in cui è avvenuta la sparizione del loro bimbo dal casolare. I genitori dovranno spiegare anche perché hanno dato l'allarme per avviare le ricerche solo alle 9 di martedì 22 giugno dopo aver accertato, secondo il loro racconto, la scomparsa di Nicola dal letto da poco prima della mezzanotte del 21 giugno. Come mai con così tanto ritardo sono stati avvisati carabinieri e vigili del fuoco?

Un particolare da precisare riguarda i sandali che il bimbo aveva addosso quando è stato preso in braccio dal luogotenente Danilo Ciccarelli, che lo ha soccorso nel burrone. Nicola era stato messo a letto con i sandali? E' possibile pensare che si sia messo da solo i sandali a 21 mesi? Saranno tra le domande che verranno rivolte ai genitori.

Ha girovagato la notte?

Nicola è stato ritrovato dopo 30 ore a circa 2,5 chilometri di distanza dal casolare in cui abita con la sua famiglia, ma avrebbe percorso forse il doppio della distanza nel suo vagare per i boschi. Il luogotenente Danilo Ciccarelli, comandante della stazione di Scarperia, che ha soccorso il bimbo nel burrone, ha raccontato: "Nel punto in cui ho preso in braccio il piccolo l'erba non era schiacciata e la mia impressione è che lì non avesse passato la notte". I cani molecolari, che erano passati in precedenza in quella stessa zona, non avevano fiutato nulla di Nicola. L'ipotesi è che abbia girovagato per 4 o 5 chilometri a piedi passando da strade sterrate e cadendo poi nel burrone, come dimostrerebbero i graffi sul corpo, forse provocati dai rovi.

Il sangue

Infine c'è un mistero che riguarda alcune tracce di sangue che i carabinieri hanno trovato in corrispondenza della porta del casolare. Ma per i militari, che comunque stanno facendo approfondimenti ulteriori sulla questione, il giallo sarebbe già risolto. Nel pomeriggio di lunedì 21 giugno, mentre stava giocando, Nicola sarebbe caduto e si sarebbe sbucciato la pelle.