Tiscali.it
SEGUICI

Misseri, 'se mi fossi ucciso Sarah avrebbe avuto giustizia'

di Ansa   
Misseri, 'se mi fossi ucciso Sarah avrebbe avuto giustizia'

(ANSA) - BARI, 12 FEB - "Avevo pensato di prendermi una bottiglia del veleno e di andarmene in campagna da me, per togliermi la vita. Mentre che volevo bere ho visto una cosa davanti agli occhi che dice 'se tu ti ammazzi Sarah non sarà mai ritrovata'. Se mi fossi ammazzato, Sarah avrebbe avuto giustizia. Mia moglie non sarebbe mai stata in carcere. Ho sbagliato anche su questo". Sono le dichiarazioni rilasciate dal 69enne Michele Misseri a Farwest, nella puntata che andrà in onda stasera su Rai Tre, condotta da Salvo Sottile.

Misseri ha lasciato ieri il carcere di Lecce dopo aver scontato sette anni per la soppressione del cadavere della nipote Sarah Scazzi in un pozzo nelle campagne di Avetrana (Taranto). Per l'mocidio di Sarah, strangolata il 26 agosto del 2010 in casa di Misseri, sono state condannate all'ergastolo sua moglie e sua figlia, Cosima Serrano e Sabrina. Misseri, però, continua ad autoaccusarsi del delitto. "L'unico colpevole sono io", dichiara ancora. Nel corso della trasmissione, il 69enne ricostruisce il giorno del delitto: "Quel giorno non stavo bene. Avevo dolore alla testa. Sul letto dormivano Sabrina e Cosima, Cosima aveva detto di non suonare al citofono". Poi aggiunge: "Sarah è scesa in garage, a me stava dando fastidio, io l'ho presa di spalle, l'ho sollevata. Lei mi ha dato un calcio all'indietro e mi ha preso nelle parti deboli. Mi è salito un caldo al cervello, l'ho stretta forte...". Misseri, parlando con Farwest, ribadisce che "la notte stessa ho sognato Sarah che mi diceva 'zio ho freddo'". (ANSA). .

di Ansa   

I più recenti

Cutro un anno dopo, i resti dell'imbarcazione sparsi sulla spiaggia subito dopo il naufragio
Cutro un anno dopo, i resti dell'imbarcazione sparsi sulla spiaggia subito dopo il naufragio
Anci, battaglia su terzo mandato per Comuni non finisce qui
Anci, battaglia su terzo mandato per Comuni non finisce qui
Cutro un anno dopo, le ultime immagini del barcone prima del naufragio
Cutro un anno dopo, le ultime immagini del barcone prima del naufragio
Femminicidi Cisterna di Latina, chiesa e piazza gremite per i funerali
Femminicidi Cisterna di Latina, chiesa e piazza gremite per i funerali

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...