Tiscali.it
SEGUICI

Milano-Cortina: indagato intercettato, 'c'è un giro di mazzette'

di Ansa   
Milano-Cortina: indagato intercettato, 'c'è un giro di mazzette'

(ANSA) - MILANO, 10 LUG - L'ex dirigente della Fondazione Milano Cortina 2026 Massimiliano Zuco in alcune intercettazioni, agli atti dell'inchiesta della Procura di Milano sulla gestione dell'evento olimpico, si sarebbe riferito "esplicitamente a verosimili fenomeni corruttivi", ponendo "l'attenzione su un giro di 'mazzette' che coinvolgerebbe quantomeno un dirigente di Deloitte", la società che aveva preso l'appalto sui servizi digitali, dopo che era stato tolto alla Quibyt, società dell'imprenditore Luca Tomassini, anche lui indagato. In un'annotazione della Gdf, infatti, si parla della "seconda gara per i servizi digitali", previa "'estromissione' di Quibyt", e del "ruolo di Deloitte", a cui fu affidata "tale fornitura" sotto la "gestione Varnier", ossia dell'ad Andrea Varnier.

Gli investigatori fanno notare come Deloitte Consulting "fosse già in rapporti economici attivi con la Fondazione" con un "contratto di sponsorizzazione" da 21 milioni di euro. Gli inquirenti in relazione a questi rapporti e all'appalto per i servizi digitali, come si legge, indagano su un "presunto giro di mazzette". In alcune intercettazioni di aprile tra Zuco e Tomassini, il primo parla anche "dell'ampio potere discrezionale dell'attuale" ad della Fondazione Varnier. "È super appoggiato ma è super appoggiato per uno scopo politico - dice - controllare Malagò, evitare che passano certe strategie". E fa riferimento al "maggior costo - scrive la Gdf - per la Fondazione di quattro milioni di euro, dovuti dall'Ente a Deloitte per produrre ex novo il sito e conseguentemente gestirlo". Zuco dice: "Si butta trentamila euro e spendine quattro per far contenta Deloitte, ma come si fa...". E ancora: "Tutto sto giro qua si tiene intorno a Deloitte". Parla di un "giro di mazzette" e indica anche il nome, riportato negli atti, di un "dirigente" di Deloitte. Nelle carte, tra l'altro, ci sono intercettazioni, sempre di aprile, anche di altri responsabili della Fondazione. Uno di questi dice: "Preferisco il vecchio sito che il nuovo bacato, con la quale facciamo una figuraccia". E lo definisce "impresentabile". (ANSA). .

di Ansa   
I più recenti
Treno fermo per avaria, 500 persone portate in altro convoglio
Treno fermo per avaria, 500 persone portate in altro convoglio
Vari blackout ad Ancona, emergenza all'ospedale pediatrico
Vari blackout ad Ancona, emergenza all'ospedale pediatrico
Scontro auto-monopattino: ferite due adolescenti, una è grave
Scontro auto-monopattino: ferite due adolescenti, una è grave
Per caldo a Roma casi mancanza elettricità, 'monitoraggio h24'
Per caldo a Roma casi mancanza elettricità, 'monitoraggio h24'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...