"Meno morti da Covid con più vaccinati da influenza". Ma solo 12 Regioni hanno scorte a sufficienza

Lo rivela uno studio del Monzino secondo cui durante la chiusura totale nelle regioni con un più alto tasso di copertura vaccinale tra gli over 65 c'erano meno contagi. L'Istituto Gimbe fa i conti sulle riserve antinfluenzali

'Meno morti da Covid con più vaccinati da influenza'. Ma solo 12 Regioni hanno scorte a sufficienza
TiscaliNews

Il vaccino anti-influenzale sembra aiutare a combattere direttamente il coronavirus. Secondo uno studio del Centro Cardiologico Monzino di Milano, pubblicato sulla rivista Vaccines, durante il lockdown nelle regioni con un più alto tasso di copertura vaccinale tra gli over 65enni, c'erano meno contagi, meno pazienti ricoverati con sintomi, in terapia intensiva e morti per Covid-19. Si stima che un aumento dell'1% della copertura vaccinale negli over 65 avrebbe potuto evitare 78.560 contagi. 

"Abbiamo stimato - afferma in una nota Mauro Amato, ricercatore del Monzino e primo autore dell’articolo - che un aumento dell’1% della copertura vaccinale negli over 65 avrebbe potuto evitare 1.989 morti per Covid, oltre a 78.560 contagi, 2.512 ospedalizzazioni, 353 ricoveri in terapie intensive. Sarebbe pertanto importante incentivare il più possibile qualsiasi attività che possa portare ad un aumento della copertura vaccinale soprattutto fra gli ultra 65enni". 

Scorte di vaccini solo per un italiano su 3

Per capire però come siamo messi bisogna dare uno sguardo ai numeri. Che non sono ottimali: le 17,8 milioni di dosi acquistate basteranno a garantire il vaccino solo a 1 italiano su 3, considerando i 60 milioni che vivono nel nostro paese. E addirittura 9 regioni rischiano di non garantire neppure il 75% della copertura delle categorie a rischio. Almeno questo è quanto sostiene Gimbe che nella sua analisi, mette in luce "l'esigua disponibilità di vaccino antinfluenzale".

Dodici regioni autosufficienti, le altre sprovviste

Dai dati ottenuti dai bandi di gara delle forniture vaccinali antinfluenzali, è stato sviluppato un database ad hoc, emerge che 12 Regioni (Puglia, Lazio, Sicilia, Toscana, Campania, Calabria, Sardegna, Veneto, Liguria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Marche) si sono aggiudicate un quantitativo adeguato di dosi per raggiungere la copertura del 75% degli over 65, ma la disponibilità di dosi residue per il resto della popolazione è molto variabile.

Mentre, secondo l'analisi del Centro Studi del Gimbe, 7 Regioni e 2 Province autonome, con le scorte disponibili, rischiano di non raggiungere neppure il 75% della popolazione target da vaccinare: Trento (70,2%), Piemonte (67,9%), Lombardia (66,3%), Umbria (61,9%), Molise (57,1%), Valle d'Aosta (51,5%), Abruzzo (49%), Bolzano (38,3%), Basilicata (29%).