Nuovo ondata di maltempo con nubifragi, temporali e neve. Scatta l'allerta meteo

Giù anche le temperature. L'aria più fredda presente oltralpe permetterà inoltre alla neve di cadere sulle Alpi, specie confinali, a quote superiori a 2000m

Nuovo ondata di maltempo con nubifragi, temporali e neve. Scatta l'allerta meteo
TiscaliNews

L' ondata di maltempo che sta flagellando l'Italia  durerà fino a sabato. Poi la rimonta dell'anticiclone riporterà il sereno. Una vasta area ciclonica situata sull'Europa centrale e settentrionale, alimentata da aria fredda di lontana estrazione artica, condizionerà il tempo anche sull'Italia nei prossimi giorni, pilotando una serie di fronti diretti verso il Mediterraneo centrale e che coinvolgeranno soprattutto le nostre regioni settentrionali e quelle del versante tirrenico con piogge, rovesci e temporali, accompagnati da rinforzi del vento. L'aria più fredda presente oltralpe permetterà inoltre alla neve di cadere sulle Alpi, specie confinali, a quote superiori a 2000m.

Allerta meteo

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una allerta meteo che prevede dalle prime ore di venerdì precipitazioni diffuse, che localmente potranno essere anche molto intense e accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, su Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Sardegna, Campania, sui settori occidentali di Abruzzo e Molise e sui settori tirrenici di Basilicata e Calabria centro-settentrionale. Il Dipartimento ha dunque valutato una allerta arancione per rischio idrogeologico sui settori centro-occidentale della Sardegna e un'allerta gialla per Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Toscana, Marche, Campania, Sicilia, sugli altri settori della Sardegna e su alcuni settori di Friuli Venezia Giulia, Basilicata e Calabria.

Venerdì - Ancora instabilità diffusa al Nord con piogge e temporali soprattutto su Alpi e pianure a nord del Po, qualche rovescio atteso nel pomeriggio anche su Levante Ligure ed Emilia Romagna, ma in graduale attenuazione in serata. Neve sulle Alpi anche sotto i 2000m su quelle centro-occidentali. Insiste l'instabilità anche in Sardegna con fenomeni in transito da ovest ad est, ma soprattutto sulle regioni centro-settentrionali tirreniche; qui sono attesi con rovesci e temporali in intensificazione in giornata dalla Toscana alla Campania, a tratti forti; qualche pioggia in arrivo fin sulle Marche e la sera sulla Sicilia occidentale. Maggiori schiarite e clima asciutto su medio-basso Adriatico e al Sud. Venti tesi tra sudovest e sudest. Temperature in calo al Centro-Nord. Per le previsioni fino al weekend clicca qui.

Sabato - Gli effetti del vortice che in settimana stazionerà sull'Europa centrale, condizionando anche il tempo su buona parte d'Italia, si attarderanno fino alla prima parte del prossimo weekend. La giornata di sabato vedrà infatti altri fenomeni di instabilità attardarsi su parte del Centro e soprattutto del Sud, con rovesci e qualche temporale più frequenti sul versante basso tirrenico e sul settore ionico. Si tratterà probabilmente di fenomeni che andranno attenuandosi nel corso della giornata, grazie all'allontanamento del fronte verso i Balcani, e al loro posto subentreranno schiarite sempre più ampie. Nel frattempo però un ultimo impulso scorrerà nel flusso di correnti occidentali in transito sul Centro Europa e punterà il Nord Italia, ma si limiterà probabilmente a distribuire addensamenti e qualche pioggia sulle Alpi centro-occidentali, specie confinali, con neve dai 2000m circa, senza coinvolgere il resto del Nord Italia.

Domenica - Nel frattempo l'anticiclone dovrebbe tornare ad espandersi dall'Europa sudoccidentale verso quella centrale, determinando anche sull'Italia una maggiore stabilizzazione del tempo nella giornata di domenica. Se la giornata di sabato risulterà quindi quella più inaffidabile su alcune regioni, quella di domenica dovrebbe essere caratterizzate da maggiori schiarite su molte zone, a parte una locale variabilità che potrebbe attardarsi sull'alta Toscana e sulle vette alpine, specie confinali, ancora esposte a residui flussi occidentali più umidi. Se la tendenza sarà confermata le temperature dovrebbero recuperare diversi gradi domenica, riportandosi su gradevoli valori da inizio autunno. Si tratta però di una tendenza che potrà subire ancora alcune modifiche nei prossimi giorni. Vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.