Blitz antimafia a Trapani: 25 arresti, sono finiti in manette anche 2 politici

Si tratta dell'ex deputato regionale del Pd Paolo Ruggirello, accusato di associazione mafiosa, e dell'ex assessore comunale di Trapani Ivana Inferrera, indagata per voto di scambio politico-mafioso

TiscaliNews

Blitz antimafia a Trapani: duecento gli uomini dell’Arma impegnati ad eseguire 25 fermi e un sequestro di beni per 10 milioni di euro. L’ordine di arresto è stato del gip del Tribunale di Palermo, giudice Morosini, la richiesta è stata firmata dai pm della Dda di Palermo, il procuratore aggiunto Paolo Guido ed i pm De Leo e Camilleri.

Blitz a Trapani, Paceco, Marsala e Favignana

Le indagini condotte dagli investigatori del nucleo provinciale dei carabinieri, comandato dal tenente colonnello Antonio Merola, hanno sgominato l’organizzazione del mandamento mafioso di Trapani e colpito le famiglie anche di Paceco, Marsala, addirittura una famiglia mafiosa è stata scoperta esistere sull’isola di Favignana. Capi mandamento per la Procura di Palermo sono Franco e Pietro Virga, liberi da qualche anno, figli dell’ergastolano Vincenzo che ha guidato la mafia di Trapani dagli anni ’80 e sino al suo arresto nel 2001.  L’operazione denominata "Scrigno" ha permesso, per la prima volta, di individuare l'articolazione di Cosa nostra di Favignana. La famiglia trapanese aveva creato una nuova cellula sull'isola di Favignana e tre sono finiti in carcere. Arrestati i fratelli capimafia Francesco e Pietro Virga, figli di Vincenzo Virga boss ergastolano di Trapani, in carcere dal 2001 quando fu arrestato da latitante. I due - secondo le indagini - decidevano le cose importanti della famiglia trapanese.

In manette due politici

Anche l’ex deputato regionale del Pd, Paolo Ruggirello, è tra i destinatari della misura restrittiva accusato di associazione mafiosa e considerato a disposizione del clan nel regno di Matteo Messina Denaro. Il politico è finito in manette con l'accusa di associazione mafiosa perché sarebbe stato consapevole della caratura mafiosa dei Virga, noti in città per aver ereditato la posizione del padre adesso al 41 bis. Tra gli arrestati c'è poi l'ex assessore comunale di Trapani Ivana Inferrera, indagata per voto di scambio politico-mafioso. Secondo gli inquirenti, i due politici si "offrivano" ai mafiosi, proponendosi come "punti di riferimento" per i clan e arrivando, in alcuni casi, addirittura ad affidare loro la gestione della campagna elettorale. Ruggirello, 52 anni, trapanese, eletto all'Ars due volte, è stato deputato questore. Si è candidato alle ultime elezioni politiche ma non ce l'ha fatta. Secondo gli inquirenti, i due politici si "offrivano" ai mafiosi, proponendosi come "punti di riferimento" per i clan e arrivando, in alcuni casi, addirittura ad affidare loro la gestione della campagna elettorale.

Sequestrati beni per 10 milioni di euro

Nell'ambito dell'operazione antimafia della dda di Palermo condotta dai carabinieri è stato eseguito un sequestro di beni, società ed esercizi commerciali per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro. Tra i beni sequestrati anche il Grand Hotel Florio di Favignana. I dettagli dell' Operazione Scrigno verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa a cui parteciperanno il Procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Lo Voi, e il Procuratore Aggiunto Paolo Guido. La conferenza stampa si terrà alle 11.30 nella palazzina M, del Palazzo di Giustizia di Palermo.