La lettera dei professori beffati ad Azzolina: “Noi primi in graduatoria lavoriamo a 300 km da casa. Dove è finita la meritocrazia?

Un gruppo di insegnanti si appella alla ministra: “I posti vicino a casa c’erano ma noi siamo stati mandati lontano dai nostri cari. E non abbiamo diritto nemmeno alla mobilità”

La lettera dei professori beffati ad Azzolina: “Noi primi in graduatoria lavoriamo a 300 km da casa. Dove è finita la meritocrazia?
TiscaliNews

La scuola attraversa un momento molto delicato. Ma non c’è solo il caos dei concorsi. Anche chi un lavoro dietro la cattedra ce l’ha, rivendica i propri diritti. È il caso di un gruppo di insegnanti che sono costretti a lavorare lontano da casa. Vorrebbero avvicinarsi ai propri cari e per questo si appellano alla ministra dell’Istruzione Azzolina.

La lettera dei docenti 

Siamo un gruppo di insegnanti, passati di ruolo dopo aver guadagnato l’abilitazione e superato il Concorso 2018 a pieni voti, e lamentiamo “unicamente” un vulnus nella concezione di meritocrazia da parte del suo governo. Questo ci lascia perplessi anche perché avete sempre sostenuto, in passato, la sua importanza, anche nel sistema scuola.

L’unica lezione che abbiamo imparato, ad oggi, è che il merito non viene premiato.

Infatti noi, primi in graduatoria al momento delle immissioni in ruolo per l’a.s. 2019/2020, siamo stati assunti in scuole situate anche a oltre 300 km di distanza, nonostante ci fosse un buon numero di posti, derivanti dai pensionamenti quota 100, notevolmente più vicini alle nostre residenze. Queste posizioni non sono state rese disponibili al momento del nostro ingresso in ruolo per meri ritardi amministrativi.

Durante la firma del contratto già potevamo assaporare la beffa: a noi, che eravamo primi in graduatoria di merito per servizi, titoli e punteggio d’esame, spettava, come ricompensa, una cattedra talmente lontana da impedire la realizzazione personale che avevamo prospettato.

È trascorso un anno e grazie al nuovo Decreto queste cattedre andranno ai nostri colleghi che hanno avuto la “fortuna” di trovarsi in posizione deteriore in graduatoria rispetto alla nostra: con questa tornata di assunzioni straordinarie saranno loro ad avere quei posti e lavorare “sotto casa”, tra l’altro, e qui la beffa, con retrodatazione giuridica dell’assunzione al 1 settembre 2019.

Passeranno altri anni e quando noi ricorderemo il nostro percorso di studi, l’abilitazione, i master, il punteggio al concorso saremo portati ad associarli a sbagli del passato, e non a traguardi. Se solo fossimo stati meno precisi, qualificati, ambiziosi!

Come se non bastasse, è stata congelata la domanda di mobilità esclusivamente per gli immessi in ruolo nel nostro anno scolastico. La domanda di mobilità rappresentava il nostro unico e ultimo appiglio, ma ci viene negata, senza alcuna considerazione per le esigenze familiari - nessuno escluso, nemmeno chi si occupa dell’assistenza di figli o di genitori con grave disabilità - ma soprattutto senza nessuna coerenza e in una maniera che riteniamo arbitraria.

E così, dalle sedi in cui abbiamo preso servizio, guardiamo svanire il sogno di ricongiungerci (per usare una parola di moda) ai nostri cari, con la sola colpa di esserci guadagnati i primi posti della graduatoria.
Ma queste non sono le uniche ingiustizie che denunciamo.

Come dicevamo, ulteriore beffa è che noi siamo gli unici esclusi dalla mobilità: ai colleghi che hanno sostenuto il nostro stesso concorso ma che, per “operosità” delle commissioni di esame sono riusciti a entrare in ruolo un anno prima di noi (a.s. 2018/2019), è stata concessa la possibilità di richiedere il trasferimento.

Non solo: il vincolo quinquennale è stato introdotto da una norma partorita soltanto dopo la pubblicazione del bando e successivamente all’espletamento di molte procedure concorsuali. Ci rivolgiamo direttamente a voi perché riteniamo di non aver avuto voce in capitolo non solo per cause di forza maggiore, ma per una scelta del tutto arbitraria.
Vogliamo rivendicare il nostro il diritto alla mobilità, alle assegnazioni provvisorie e utilizzazioni e il diritto di precedenza nella scelta rispetto ai colleghi collocati dietro di noi in graduatoria!
Vista l’emergenza non ci sono stati concessi scioperi o assemblee: abbiamo solo visto elargire ordinanze a nostro completo svantaggio-

Il merito va valorizzato nella pratica, e non solo a livello retorico.

Nella convinzione che vorrete ristabilire equità e giustizia,

cordialmente
Vittorio Cau
Alessandro Frongia
Laura Milia
Giorgia Porcu
Gesuina Pusceddu
Carla Saiu
Claudia Sanna
Carla Usai